Home News Vino, Arte e Design

Vino, Arte e Design

0
23

Lunedì 21 marzo, Pinacoteca del Tesoriere, 
Palazzo Patrizi
, P.zza San Luigi dei Francesi, N°37 – Roma

Vino, Arte e stavolta anche Design nel magico incontro di primavera all’interno della suggestiva cornice della Pinacoteca del Tesoriere (Palazzo Patrizi), ubicata nel cuore di Roma. Oltre alle 35 aziende in degustazione che alimenteranno il percorso artistico all’interno della collezione di Arte antica unica presente a Palazzo Patrizi lunedì 21 marzo (orario 13-21), sarà presente infatti il giovane e originale marchio Assonance design, brand nato un anno fa dall’idea di Elisabetta de Ritis Patrizi, che ne esporrà gli esemplari più significativi.
Dopo una ventennale esperienza nel mondo della grafica pubblicitaria e da sempre appassionata di arte e design, Elisabetta de Ritis Patrizi ha sviluppato un progetto di merchandising esclusivo, creando una linea di bijoux e oggetti per la tavola ispirandosi ai colori e alle decorazioni dello stesso Palazzo Patrizi, ubicato in Piazza San Luigi dei Francesi a Roma. Procedendo per assonanze, dove ogni elemento si concatena con quello che gli sta accanto, ha dato vita ad alcuni oggetti antichi, creando nuove armonie e fondendo il sapore del passato con l’elemento contemporaneo.

La sua idea è stata quella di comporre un grande progetto in divenire costante: innamorata della collezione Meissen di porcellane, ha creato “Cunegonda”, una linea per la tavola (sottopiatti e sottobicchieri) e una linea di bijoux acquistabili solo all’interno del Palazzo e presto anche on line. Il servizio Meissen, conservato nella sala da pranzo di Palazzo Patrizi, è composto di quasi 200 pezzi e fu ricevuto in dono nel 1796 dal padre di Cunegonda di Sassonia che sposò Giovanni Patrizi. La manifattura reale di Sassonia di Meissen lo realizzò appositamente per lei con decoro “uccelli”. La collezione è compatta, mai smembrata ed è un vero “unicum”; ora, i pappagalli, le gru, le beccacce, i pavoni e tanti altri bellissimi pennuti, si staccano dalle porcellane per spiccare voli propri su tavole apparecchiate e sugli accessori firmati Assonance design. 
Un altro soggetto su cui Elisabetta de Ritis Patrizi riguarda i fiori, decorazioni a tempera delle pareti della sala da pranzo della metà del XVIII secolo. Dagli anemoni, dai petali d’oro e foglie d’acanto in tono azzurro su fondo color dell’aria sono nati bijoux, orecchini e collane e spille di rara raffinatezza. E così come scrisse Henri Poincaré: “Creatività è unire elementi esistenti con connessioni nuove”.

Si ricorda al pubblico, ai giornalisti e agli addetti al settore interessati a partecipare che l’ingresso all’evento “Vino & Arte che passione!” è su prenotazione obbligatoria ai contatti dell’ufficio stampa.

Informiamo inoltre il pubblico interessato che le visite guidate alla Collezione si svolgeranno a rotazione (ogni 20 minuti circa) dalle ore 13 alle 19; sarà possibile prenotarsi per la visita una volta arrivati a Palazzo (d’obbligo comunque la prenotazione all’ufficio stampa per entrare all’evento, come sopra).