A Scià: La Signora

0
3

A Scià: La Signora. Il suo Sciacchetrà, una treccia lunga che brilla al sole.

Marzia Raggi, la Signora del Cinqueterre Doc. Osservare con attenzione il territorio e porsi come obiettivo il recupero,  la valorizzazione e il mantenimento. Essere inserita nel mondo del vino e partecipe con il marito Giancarlo Sassarini a produrre e commercializzare il “nettare” delle Cinque Terre. Certamente questo sodalizio ha reso più facile il cammino.

Poi la conoscenza di altri personaggi come Elisabetta Cocciolo, proprietaria dell’Eremo della Maddalena che sovrasta Monterosso al Mare e l’artista Hélenè Barraud (Barrò) designer  dei pensieri appesi e angoli nascosti delle Cinque Terre riprodotti in acquarelli.

Il vigneto restaurato

E quel vigneto abbandonato da oltre 50 anni e ora nuovamente preparato per la produzione di uve Bosco, Albarola e Vermentino delle Cinque terre (n.d.r.).

In collaborazione con Elisabetta Cocciolo il recupero, meglio dire il restauro. Perché intervenire su di una opera d’arte come una vigna sorretta da muretti a secco, lo è.

“L’Eremo della Maddalena, antico gioiello di Monterosso, è ora suggestivo luogo d’incontro tra vino, tradizione, arte al femminile: Marzia Raggi, Elisabetta Cocciolo, Hélène Barraud (Barrò)”.

Se mettiamo in un contenitore Cinque Terre, la sua Doc, l’Eremo della Maddalena, Monterosso al Mare, la Natura, i Sapori, la Tradizione, l’Uva, l’Arte (Land Art), gli Acquarelli, generiamo La Signora, A Scià e il suo progetto.

E i suoi vini?

In produzione dal 2014, vinificati presso la Cantina Sassarini, con una propria identità.

Un Bianco della tradizione, Cinqueterre Doc, Bosco Albarola e Vermentino ed un Rosso, Liguria di Levante Igt, Sangiovese, Merlot e Syrah. Infine il “meraviglioso, unico Sciacchetrà, il passito da abbinare ma soprattutto da meditare.

Hélène Barraud, incaricata a vestire le bottiglie, per lo Sciacchetrà ha affermato: “Lo Sciacchetrà di Marzia Raggi non può che essere donna! Il suo colore dorato e il suo sapore passionale mi fa pensare ad una treccia lunga che brilla al sole”.

Insieme all’amico enologo Francesco Petacco sono andato alla scoperta dell’essenza della Doc Cinqueterre e dello Sciacchetrà di A Scià di Marzia Raggi.

A Scià 2017, Cinqueterre Doc, campione di botte. Vinificato e affinato in barriques francesi Adour di secondo passaggio per circa 7 mesi con frequenti batonnage.  Al primo sorso capisci di trovarti di fronte ad un Bianco diverso, standard qualitativo superiore con vivacità floreale e tendenza allo sviluppo d’equilibrio al palato. Lo attenderemo.

A Scià Cinqueterre Doc vendemmia 2016. Vinificazione e affinamento come sopra. In questo campione la forza di questo bianco: bella vivacità floreale e fruttata e profilo fuori dalle rime tradizionali. Eccellente 90/100

A Scià Cinqueterre Doc vendemmia 2015. Un punto di partenza verso l’eccellenza. Ho riscontrato “banali” note che nella 2016 si sono evolute. Gli manca quella marcia in più che ho trovato nella 2016. Un modo di operare diverso, nella media. Buono, voto 86/100

Sciacchetrà 2015, nato dalla scelta giusta dei grappoli, vinificato in parte nelle barriques dove termina l’affinamento per circa 12 mesi. Una sola parola: avvolgente. Ottimo, voto 89/100

Sciacchetrà 2015 Riserva. Maggiore attenzione per un vino passito da lungo respiro. Ottimo, voto 89/100

Sciacchetrà 2016. Lasciatemi passare il termine: disumano (inteso come sovraumano), paradisiaco. La perfezione dello Sciacchetrà. Da posizionare nel Paradiso degli eccellenti accanto ai ben conosciuti Sautèrnes, Tokaj, Picolit. Assolutamente da meditazione: abbinarlo a qualsiasi dessert significherebbe sminuirlo atrocemente. Veste ambrata, grande consistenza. Spettro olfattivo con note agrumate, candite, e lontani richiami marini. Palato dolce, carezzevole, calda carezza alcolica e freschezza sostanziale. Senza Voto. Il punteggio lo umilierebbe.

“Dettagli di luoghi e grovigli di ricordi. Lo scopo è quello di ricostruire, restaurare e conservare”. Chapeau!

Urano Cupisti

Assaggi effettuati il 7 Marzo 2018

 

Cantina A Scià

c/o Cantina Sassarini

località Pian del Corso, 1

Monterosso al Mare

Cell:  335 7905225

aziendagricolascia@gmail.com

www.aziendagricolascia.it