Home Degustazioni Fortulla, il vino dei Macchiaioli

Fortulla, il vino dei Macchiaioli

0
7
Tenuta Fortulla

E pensare che questa tenuta è a un tiro di schioppo da dove abito. Ho conosciuto la Tenuta Fortulla tra i banchi di Natura&Purae, l’area dedicata dal Merano Wine Festival ai produttori riconducibili al biologico e/o biodinamico. “Il venerdì, anteprima del vero WineFestival, ormai definito bio&dinamico”.

Il vino dei Macchiaioli

Perchè il vino Fortulla è il vino dei Macchiaioli?

“I luoghi della tenuta furono da sempre d’ispirazione per gli artisti”. È iniziata così l’interessante conversazione con Laura Marzari che, insieme a Fulvio Martini, dirige l’Azienda Agrilandia di cui la Tenuta Fortulla ne fa parte.

“Da queste parti nacque sul finire del 1800 il movimento artistico dei Macchiaioli di cui il livornese Giovanni Fattori ne fu il maggiore esponente. Non di rado il maestro pare si fermasse a dipingere i sublimi paesaggi mediterranei durante i soggiorni presso l’amico critico d’arte Diego Martelli”

Se Giovanni Fattori e i suoi amici pittori macchiaioli bevessero i vini prodotti da quelle parti non è dato di sapere. Una cosa è certa; la storicità dei luoghi come paesaggi mediterranei sublimi si riscontra in numerosi dipinti di questo Movimento.

La Tenuta

Il racconto di Laura continua come preparazione alla degustazione che ne è seguita.

Dal film Il sorpasso

“Da terreni incolti Fulvio è riuscito a far rivivere una porzione incantevole della costa mediterranea a picco sul mare sopra Castiglioncello in provincia di Livorno. Nascono così oliveti, vigneti e il Casale del Mare, un relais di campagna ristrutturato con gran gusto”. Laura racconta e la sua narrazione mi ha riportato indietro nel tempo, al film “Il Sorpasso” che proprio sulla litoranea, sotto la Tenuta, pose fine alle avventure dei protagonisti.

Torniamo a parlare di vino. 110 ettari di cui 7 dedicati ai vigneti, 5 agli oliveti e il resto a macchia mediterranea. L’effetto drenaggio e regolazione idrica dei terreni insieme all’alto contenuto di potassio e fosforo  permette ai vigneti di vivere in un ambiente particolarmente adatto per la produzione.

“La nostra filosofia aziendale abbraccia le pratiche biologiche perché siamo convinti che questa sia la stada del nostro futuro. La conduzione agricola biologica amplifica l’identità dei nostri vini.”

Attento e riflessivo. Laura raccontava ed io a riflettere sul biologico: speriamo che i vini siano “buoni”.

“I vigneti sono riparati da lecci, ginepri, corbezzoli, eucalipti, rovi, insomma dalla macchia. Non abbiamo aziende vinicole vicine”. La scelta del biologico più reale. Allora i vini non possono che essere buoni.

I Vitigni

“La scelta dei vitigni è stata dettata dal nostro terroir e dal clima”. Aggiungo, guidato dall’attenzione e dalla riflessione: I vigneti sono datati 1994 (o giù di lì). Poco distante iniziava la “grande rivoluzione” di Bolgheri. La scelta non poteva che ricadere sui rossi Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot e sui bianchi Petit Manseng, Viognier e Vermentino. Così è stato.

La Degustazione

Pelagico Toscana Bianco Igt 2015   

Presentazione e note aziendali:  Ubicazione del vigneto: 300 metri s.l. con esposizione sud  Densità per ettaro: 6.000 ceppi/ettaro. Sistema di allevamento: Guyot.  Vitigni: Petit Manseng.  Produzione per pianta: 0,900 gr. Produzione annuale: 1.200 bottiglie.

Vendemmia: Effettuata a mano, verso la fine di settembre.  Vinificazione: Fermentazioni in barile di rovere francese da 500 lt.  Affinamento: In tonneau per circa 12 mesi  Imbottigliamento: Fine settembre. Annata: 2015, biologico certificato  Gradazione alcolica: 14,5%

Pelagico, dal greco le colline che si tuffano nel mare, nasce da una parcella di terreno particolarmente argilloso e ricco di scheletro di origine calcarea. Petit Manseng è un vitigno francese tipico dello Jurançon. È caratterizzato per avere bacche particolarmente piccole e dalla buccia spessa, che producono esigue quantità di mosto. Infatti il Pelagico viene prodotto in quantità estremamente limitate.

Le mie considerazioni: Ecco un vino tutt’altro che semplice. Nitido, ampio, splendido. Un biologico che mi è piaciuto. Ottimo, voto 89/100

Fortulla Toscana Rosso Igt 2015

mde

Presentazioni e note aziendali: Ubicazione del vigneto: 200 metri s.l. con esposizione sud-ovest. Densità per ettaro: 6.000 ceppi/ettaro. Sistema di allevamento: Guyot.  Vitigni: 50% Cabernet Franc e 50% Cabernet Sauvignon. Produzione per pianta: 1 kg.  Produzione annuale: 12.000 bottiglie. Vendemmia: Effettuata a mano, verso la metà di settembre.

Vinificazione: Macerazione in acciaio e cemento per 20 giorni a temperatura controllata.  Affinamento: Vasche di cemento, piccoli tini tronco conici e piccole botti di rovere per circa 8 mesi. Imbottigliamento: Marzo a seconda della luna. Annata: 2013, in conversione all’agricoltura biologica. Gradazione alcolica: 14,5%

Fortulla nasce nel 2005 e il nome deriva dal botro Fortullino che scende dalle colline e costeggia i vigneti. Le uve di Cabernet, vendemmiate a mano, dopo la diraspatura e la selezione chicco per chicco sul nastro di cernita, subiscono una macerazione prefermentativa a freddo, in modo da favorie l’estrazione degli aromi varietali, del colore e dei tannini più dolci delle uve.

Le mie considerazioni:  Ecco una versione che capovolge i luoghi comuni nel vino che vogliono gli internazionali tutti uguali, fotocopia uno dell’altro. Mi inchino di fronte all’orientamento biologico e al profondo rispetto del terroir che richiede scelte, per i vitigni, di questo tipo. Coinvolgenti note nei secondari con lo sviluppo al palato di una superba intelaiatura tannica e buona lunghezza. Destinato nel tempo a dare il meglio di sé. Ottimo/Eccellente voto 89-90/100.

La storia di Fortulla la possiamo considerare recente. L’assetto aziendale viticolo, dai racconti di Laura e dai vini assaggiati, sembrerebbe di aver subito una ridefinizione notevole, considerevole, apprezzabile. Adesso serve andare “a calpestare le vigne” per consolidare e rafforzare quanto è emerso. Lo farò quanto prima. Chapeau!

Urano Cupisti

 

Agrilandia Soc. agricola

Strada Vicinale delle Spianate

Castiglioncello (Livorno) – Italia

Tel.  +39 0586 759007 Mobile Laura Marzari +39 340 4524453

info@fortulla.it

www.fortulla.it