Se Maometto non va alla Montagna…. Vernaccia di Oristano Silvio Carta

0
6

Lockdown causa pandemia. Gli assaggi arrivano a domicilio.

Degustazioni a casa ovvero parafrasando un noto proverbio: “Se la montagna non va da Maometto, Maometto va alla montagna” che preferisco citare al contrario: “Se Maometto non va alla montagna, la montagna va da Maometto”, intendendolo in modo fatalistico: ”Se una cosa deve accadere, allora accadrà, anche a costo di stravolgere l’ordine naturale delle cose”. Niente di più creativo.

Oggi Vernaccia di Oristano Riserva 2006
dell’azienda oristanese Silvio Carta

«Scaldata dal sole, disegnata dal vento, profumata dalla macchia mediterranea, arricchita dalla salsedine. Un vino complesso, quasi, alchemico, che emoziona e affascina chi lo assaggia. Il rappresentante perfetto dell’espressione di quest’angolo di terra». Così recita il biglietto d’accompagnamento alla bottiglia.

L’Azienda

Quando si parla di Vernaccia di Oristano non si può non parlare di Silvio Carta, una delle più prestigiose aziende vinicole della Sardegna. Incentrata, principalmente, alla valorizzazione di questo vino, il più antico di questa area sarda, dalle presunte virtù curative e dall’origine incerta, comunque locale.

Vernaccia Silvio Carta

Il percorso

Sapiente vinificazione, il lungo riposo in botte e l’attenta cura data dalla azienda Silvio Carta ha reso questo incredibile vino un’autentica gloria dell’enologia sarda. Ottenuto con un metodo ossidativo simile a quello dello sherry, utilizzando lieviti a filmatura superficiale detti “flor“.

L’Assaggio

È sceso nel calice con la sua veste ambrata lasciando il segno lungo le pareti. Complesso, ha volteggiato con difficoltà in quel senso di libertà raggiunta dopo anni e anni di intenso affinamento in bottiglia. Olfatto complesso dato dai secondari prima e terziari dopo.

Ad ogni immersione del naso nel calice i profumi lo hanno avvolto dando sensazioni di suadenza, usando dolcezza e lusinghe. Frutta secca, spezie e nocciole tostate. Al palato sapido, austero, con una forte componente alcolica mantenuta in equilibrio da una acidità ben presente. Scia finale in persistenza infinita. Dare un voto a questo vino? Decisamente NO perché significherebbe limitarne il suo fascino. Da meditazione!

Vernaccia Silvio Carta

Così sta scritto nelle note di accompagnamento: “Un vino complesso, quasi, alchemico, che emoziona e affascina chi lo assaggia; il rappresentante perfetto dell’espressione di quest’angolo di terra”.

Ecco questo è il miglior voto che possa essere espresso verso questa Vernaccia di Oristano Riserva, Silvio Carta, vendemmia 2006. Chapeau!

Urano Cupisti

Silvio Carta
Strada provinciale 12, Km 7,8
Zeddiani Oristano
Tel 0783 410314
https://www.silviocarta.it