Home Degustazioni Ledda, nella culla di una cultura antichissima

Ledda, nella culla di una cultura antichissima

0
37

“Produciamo vini di altissima qualità in un territorio ad alta vocazione viticola nel nord della Sardegna”.  A parlare un gentilissimo signore, Andrea Pericu, dell’azienda sarda Ledda di Bonnanaro, provincia di Sassari.

Luogo dell’incontro: Merano Wine Festival, padiglione Gourmet Arena, Volcanic Wines.

“Siamo partiti dalla nostra terra di origine, il Mejlogu, che significa luogo di mezzo. È una terra di uva e ciliegie al centro del Logudoro, nel nord della Sardegna.”

Terra di antiche tradizioni che ancora nasconde culture risalenti al periodo ante-nuraghi. Terra che ha visto nascere la viticoltura e l’ha trasmessa, nell’insieme di secoli di progressiva evoluzione, fino ai tempi nostri.

Terra, quella del Mejlogu, di origine vulcanica con suoli basaltici sulle alture (circa 750mt s.l.m.) e sabbia silicea con disfacimento granitico a livelli inferiori (400mt s.l.m.)

“Non è difficile capire perché i nostri progenitori scelsero questa parte della Sardegna costruendovi  uno dei nuraghi più maestosi: Sa Domo de su Re, la reggia nuragica di Santu Antine”.

Ci ha tenuto il Signor Andrea a parlare della Storia del Mejoglu ancor prima dei suoi vini. Orgoglio ma anche preludio all’assaggio, alla descrizione delle vigne esposte alla luce ed ai venti, ai vitigni centenari, creando in proprio le barbatelle, realizzando continuamente impianti di allevamento.

“Abbiamo scelto questa terra per le nostre vigne, o forse è lei che ci ha chiamati: un luogo così antico ha una voce che sa farsi sentire, nelle scelte.”

Gli assaggi

Giaru, Vermentino di Sardegna Doc 2016. Vermentino 100%. Uva proveniente da vigneti posti a 400mt s.l.m. Vinificato in contenitori Inox e affinato in bottiglia per circa 2 mesi. Manifesta appieno il suo carattere fine ed elegante, sapido e persistente, ricco di profumi freschi e floreali (descrizione aziendale). Alla descrizione aziendale aggiungo: garantisce una versatilità negli abbinamenti con piatti di mare per la sua energia verticale. Ottimo, voto 88/100

Soliànu, Vermentino di Gallura Docg 2016. Vermentino di Gallura 100%. Percorso simile al precedente. L’essenza del Vermentino di Gallura. Ne vuole rappresentare il territorio attraverso il suo nobile protagonista (descrizione aziendale). Vino di gran classe, profondo. Incantevole purezza di frutto. Eccellente, voto 91/100

Azzesu, Vermentino di Sardegna Doc 2015. Vermentino 100%. Uva proveniente da vigneti posti a 730mt s.l.m. Percorso in inox e affinamento per 9 mesi in bottiglia. L’unicità dell’area vulcanica si esprime perfettamente nei caratteri di questo vino. Unico Vermentino prodotto in Sardegna sulla cima di un vulcano a 730 mt s.l.m. Vino originale (descrizione aziendale). L’ho trovato veramente originale, nella complessità dei profumi, versione di bellissima articolazione, intensa e allo stesso tempo potente. Eccellente, voto 92/100

Cerasa, Cannonau di Sardegna Doc 2014. Cannonau 100%. Vinificazione in acciaio dove rimane per 12 mesi per poi passare in botti da 25 hl cui seguono 6 mesi di bottiglia. Il vigneto di Monte Santu rappresenta il cuore della zona tradizionale di Bonnanaro. Nasce immerso nei ciliegi (descrizione aziendale). E le ciliegie sono l’elemento olfattivo e gustativo presente. Sfoggia una trama di rimandi incantevole. Ottimo, voto 89/100

“Adesso vogliamo contribuire a far risplendere la nostra isola, la Sardegna, anche attraverso questi territori vulcanici. Con una nuova visione.” Chapeau!

Urano Cupisti

Assaggi effettuati il 10 novembre 2017

 

Vitivinicola Ledda

Bonnanaro  Ss

info@vitivinicolaledda.com

www.vitivinicolaledda.com