Corte dei Venti. Due generazioni al femminile

“Alla Corte dei Venti troverà una piccola vigna, delle grandi botti di rovere, una lunga tradizione, un pizzico di follia e tantissima passione. Benvenuto al tavolo della Corte dei Venti”.

Chapeau ad una presentazione aziendale essenziale, laconica e semplice.

L’arte di essere coincisi non è da tutti. A volte mi trovo di fronte ad un’eccessiva prolissità da parte dei responsabili aziendali, con manifesto interesse a valorizzare i pregi dei prodotti inducendo il sottoscritto ad un legittimo sospetto di trovarsi di fronte alle solite espressioni da manuale.

Niente di tutto questo al tavolo della Corte dei Venti nel Chiostro di Sant’Agostino durante l’evento Benvenuto Brunello 2020.

Anzi, durante gli assaggi, i miei sensi sono stati indirizzati verso la libera capacità di capire prestando attenzione all’ascolto. Chi sa capire subito non ha bisogno di lunghi discorsi.

Corte dei Venti. L’arrivo

Ne sono nate domande, anch’esse coincise, mirate alla conoscenza di questa realtà ilcinese e dei metodi di lavorazione.

Perché Corte dei Venti?

“Il nome “Corte dei Venti” deriva dalla particolare confluenza dei venti che costantemente soffiano in questa zona. La loro presenza permette un clima mediterraneo privo di nebbie, che favorisce la salute sia delle viti durante la fase vegetativa che dell’uva durante la vendemmia”.

Quanti ettari di vigneto e dove sono ubicati in quello che è chiamato il Continente Ilcinese?

“Coltiviamo 5 ettari di vigne (di cui 2.80 ettari a Brunello) posizionate a sud-est  nella zona più soleggiata, quella delle terre rosse, nell’ entroterra tra Sant’Angelo e Castelnuovo dell’Abate. Di fronte abbiamo in tutta la sua imponenza il monte sacro degli Etruschi: il Monte Amiata”.

Corte dei Venti. I vigneti

Quante tipologie di vitigni allevate?

Oltre al Sangiovese Grosso (chiamato da queste parti anche con il nome di Brunello) alleviamo tre vitigni internazionali (Cabernet Sauvignon, Merlot, Syrah ) che, in percentuali diverse, “accompagnano” il sangiovese nei nostri due Igt: Sant’Antimo e Silvana.

Vendemmia, vinificazione, affinamento…

L’uva viene raccolta rigorosamente a mano. Tutto il vino che produciamo viene vinificato e invecchiato all’interno della nostra cantina; l’affinamento del Brunello dura 36 mesi in botti di rovere di Slovenia da 20/25 hl e almeno 8 mesi in bottiglia, mentre la riserva la lasciamo affinare fino a 48 mesi in botte e 12 mesi in bottiglia.

Bottiglie prodotte?

La produzione si assesta intorno alle 6.500 unità per il Brunello compresa la versione Riserva, circa 7.000 per il Rosso e poco più di 1.500 per i due Igt Sant’Antimo e Silvana”.

Corte dei Venti. Gli assaggi

Gli assaggi

Era giunto il momento degli assaggi:

– Rosso di Montalcino Doc 2018. Sangiovese Grosso (Brunello) 100%. Come da disciplinare affina in botte minimo 12 mesi e altri 4 in bottiglia. Una bella beva questo giovanissimo puledro che ha trasmesso un rassicurante senso di rotondità e gradevolezza. Ottimo, voto 89/100

– Brunello di Montalcino Docg 2015. Sangiovese Grosso proveniente dai circa 3 ettari a Brunello. Come da disciplinare affina minimo 36 mesi in botte e 8 mesi in bottiglia. Ho registrato una più serrata presenza dei tannini, slancio nella beva dove convivono freschezza e mineralità. Accertata una promettente longevità. Eccellente, voto 93/100

– Sant’Antimo “Poggio del Lecci” 2017. Blend di Sangiovese grosso (60%), Merlot (20%), Cabernet sauvignon (10%) e Syrah (10%). Affinato 12 mesi in tonneaux e barriques e almeno 4 mesi in bottiglia. Intrigante chiaroscuro di spezie all’olfatto e grinta sapida al palato. Un rosso che rivela le potenzialità degli “internazionali” nei terreni del Brunello. Eccellente, voto 91/100

Provando a sintetizzare anch’io dopo la ricognizione tra i campioni presentati ho ritenuto Corte dei Venti un’azienda impegnata nell’elevare la complessa natura dei suoi vini in un contesto di ricchezza dei terroir.

Ci sono vini che parlano al corpo, altri che parlano alla testa (Dominique Lafon).

I vini di Corte dei Venti alla testa quindi intellettuali. Chapeau!

Urano Cupisti

Assaggi effettuati il 22 febbraio 2020

 

Corte dei Venti

Località Piancornello 35

Montalcino (Si)

Tel: 347 3653718

info@lacortedeiventi.it

www.lacortedeiventi.it

1 commento

  1. […] “Alla Corte dei Venti troverà una piccola vigna, delle grandi botti di rovere, una lunga tradizione, un pizzico di follia e tantissima passione. Benvenuto al tavolo della Corte dei Venti”. Chapeau ad una presentazione aziendale essenziale, laconica e semplice. L’arte di essere coincisi non è da tutti. A volte mi trovo di fronte ad un’eccessiva prolissità da parte dei responsabili aziendali, con manifesto interesse a valorizzare i pregi dei prodotti inducendo il sottoscritto ad un legittimo sospetto di trovarsi di fronte alle solite espressioni da manuale. Niente di tutto questo al tavolo della Corte dei Venti nel Chiostro di Sant’Agostino durante l’evento Benvenuto Brunello 2020. Anzi, durante gli assaggi, i miei sensi sono stati indirizzati verso la libera capacità di capire prestando attenzione all’ascolto. Chi sa capire subito non ha bisogno di lunghi discorsi… Articolo completo […]

Comments are closed.