Home Primo piano Azienda KUEN HOF di Peter e Brigitte Pliger

Azienda KUEN HOF di Peter e Brigitte Pliger

0
20

Il vino viene fatto con sapienza e meticolosità, affinandolo con scrupolo in acciaio e in grandi botti di acacia

Molte sono le magnifiche cose che abbondano in Alto Adige, gli innumerevoli Castelli testimonianze di un passato di contesa terra di confine, i laghi fascinosi come quello di Carezza, le piste del più vasto comprensorio sciistico d’Europa (1200 chilometri divisi in 12 aree), i parchi protetti, i larici millenari in Val D’Ultimo, i famosi Giardini Botanici a Merano, il Museo di “OTZI” (l’uomo di 5300 anni fà ritrovato tra i ghiacci delle Dolomiti), i verdi prati, le profonde valli, le alte montagne che cambiano colore a seconda della luce del sole, tutte cose atte a comporre uno spettacolo di una bellezza difficilmente eguagliabile.

In questo incantevole contesto, in Località Mara – Bressanone (Brixen) in provincia di Bolzano, c’è un antico maso (dal latino “mansio” dimora, antica azienda agricola, autosufficente, di edifici e terreni), del XII secolo, “Kuenhof“, inizialmente appartenente al Vescovo di Bressanone, e da 200 anni di proprietà della Famiglia Pliger; qui da molto tempo si produce vino.

In anni più recenti e con precisione fino al 1989 tutto il vino prodotto veniva conferito all’Abbazia di Novacella (storica Abbazia dei Canonici Regolari di Sant’Agostino dove si produce vino da più di 800 anni), la svolta nel 1990 con il primo imbottigliamento di 1500 bottiglie per conto proprio, da qui la decisione, nel 1991, di restaurare e di risanare il vecchio maso, e in contemporanea di adeguare la vecchia cantina all’esigenze di oggi, per una più adeguata produzione.

L’Azienda ha 8 ettari di cui 6 a viti, i terreni sono composti di sabbia argillosa con una grande quantità di rocce scistose (termine applicato a tipi di rocce metamorfiche, cioè derivanti dalla trasformazione di rocce preesistenti sottoposte a forti variazioni di temperatura e/o pressione, in cui i cristalli del minerale predominante sono allineati in strati paralleli, e si rompono con facilità), i vigneti, tutti o quasi a piccoli terrazzamenti contenuti da alti e spessi muri di pietra a secco, abbastanza elevati, posizionati verso sud-est, si trovano da 550 fino a 700 metri sul livello del mare, 8000 piante per ettaro vengono lavorate tutte a mano, in modo naturale senza usufruire di prodotti sintetici, con una resa che non supera gli 80 quintali per ettaro.

Il Vino viene fatto con sapienza e meticolosità, affinandolo con scrupolo in acciaio e in grandi botti di acacia. Il risultato è stupefacente, 25000 bottiglie per quattro Vini bianchi straordinari, il più importante è il Sylvaner, seguito dal Riesling renano, dal Veltliner (Gruner Veltliner) e dal Traminer aromatico, il Riesling viene imbottigliato sotto il nome “Kaiton“, vecchio nome celtico della zona dove si trova il maso.

I Vini hanno colori brillanti e splendidi, profumati, ricchi di molteplici aromi, avvolgenti e persistenti, pur avendo dai 13,5% vol. ai 15% vol. si bevono con grande gusto e soddisfazione, tutti hanno una grande capacità d’invecchiamento, le bottiglie con eleganti etichette hanno un efficente e raffinato sistema di chiusura con capsula a vite (questo tipo di chiusura è stata scelta sia per la bellezza estetica che per la modernità, ma soprattutto per una maturazione ottimale del Vino).

Quattro importanti Vini Bianchi che hanno molto da dire ma soprattutto da dare al consumatore finale e che stanno riscuotendo innumerevoli premi:

Sudtirol Eisacktaler Veltliner DOC lavorato in acciaio e in botte di legno grande, alc. 14% vol.;

Sudtirol Eisacktaler Sylvaner DOC lavorato in acciaio e in botte di legno grande, alc. 14,5% vol.;

Sudtirol Eisacktaler Gewurztraminer DOC lavorato in botte di legno grande, alc. 15% vol.;

Sudtirol Eisacktaler Riesling “Kaiton” DOC lavorato in botte di legno grande, alc. 13,5% vol..

Ma quello che colpisce e soprattutto affascina, di questa Famiglia di vignaioli, è la loro filosofia, che ci lascia tutti estasiati, per la semplicità e la capacità di interagire con i loro terreni e il modo di vivere in totale simbiosi con le loro piante e i loro prodotti.

Sono rimasto veramente soddisfatto dei loro Vini e dell’esaudiente scambio d’idee, delle delucidazioni e delle spiegazioni avute da Peter e Brigitte, due splendide persone che mi hanno dato la certezza che nella loro valle riusciranno a mantenere il loro piccolo paradiso ancora per moltissimi anni.

Giorgio Dracopulos


Kuen Hof di Pliger Peter & Brigitte

Mahr, 110 – Kuenhof

I-39042 Brixen-Bressanone (Bz)

Tel 0472 850546 Fax 0472 209175