Home News Sandro Boscaini nuovo presidente di Federvini

Sandro Boscaini nuovo presidente di Federvini

0
20

E’ Sandro Boscaini, Presidente e Amministratore Delegato della Masi Agricola, l’imprenditore vitivinicolo proposto dal Consiglio di Federvini – Federazione italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini – alla guida della Federazione per il triennio 2014/2016.

 

Riunito presso le nuove Cantine Antinori a Bargino, il Consiglio ha trovato unanime convergenza su una delle figure più rappresentative del settore vinicolo in Italia. “L’ampio consenso che la Federazione ha riscontrato sul nome di Sandro Boscaini è un bel segnale di intesa interna e di allineamento su obiettivi comuni – ha dichiarato Lamberto Vallarino Gancia, Presidente uscente. “Sono certo che Sandro saprà armonizzare con intelligenza e capacità strategica le diverse sfide che la nostra Federazione si troverà a fronteggiare nei prossimi mesi. La difesa e la valorizzazione del nostro patrimonio vinicolo sono infatti per lui due obiettivi che passano prima di tutto attraverso la difesa e la valorizzazione dell’intero settore delle bevande alcoliche in Italia”.

 

Attento conoscitore dei mercati internazionali, Sandro Boscaini è considerato l’ambasciatore nel mondo dall’Amarone, di cui Agricola Masi è oggi leader mondiale nella produzione.

Perseguendo l’ambizioso progetto di recuperare il lustro della tradizione agricola e vitivinicola della nobiltà triveneta, Masi gestisce tenute di pregio sia nell’originaria area vocata della Valpolicella Classica sia nella macroregione delle Venezie. Dal 1973 collabora in Valpolicella con i Conti Serego Alighieri, discendenti del poeta Dante, mentre più recentemente si è impegnato in Trentino con i Conti Bossi Fedrigotti. E’ stato anche l’ideatore negli anni ’70 del Premio Masi, oggi gestito dalla Fondazione Masi.

 

Questo il commento del marchese Piero Antinori che ha ospitato i colleghi del consiglio nelle sue nuove cantine in Chianti: “Sandro è un grande imprenditore, un uomo di cultura, particolarmente attento ai valori del made in Italy e della ricerca dell’eccellenza. La Federazione troverà in lui una guida illuminata”.

 

Sandro Boscaini dichiara: “Questa designazione rappresenta il  riconoscimento dei risultati raggiunti da Masi nel mercato internazionale. Prima presidenza di un imprenditore vitivinicolo veneto nella centenaria storia della Federazione accredita il primario ruolo che la regione ha assunto nel mercato mondiale del vino e delle bevande alcoliche, grazie alla professionalità dei propri operatori e a un dinamico operare in filiera”.

L’Assemblea della Federazione, indetta a Roma il prossimo 19 giugno, sarà chiamata a votare la scelta operata dal Consiglio che ha ringraziato calorosamente Lamberto Vallarino Gancia per la energica e continua attività prestata nei due mandati alla Presidenza della Federvini.

 

PROFILO DI SANDRO BOSCAINI

Sandro Boscaini rappresenta la sesta generazione di una famiglia di viticoltori in Valpolicella dal XVIII secolo. Dal 1978 è Presidente di Masi Agricola, azienda impegnata nell’innovazione e nella ricerca, pur nel rispetto delle tradizioni, che sotto la sua guida è diventata leader nella produzione dell’Amarone, con una presenza in più di 90 Paesi nel mondo.

Da anni molto attivo nel seguire gli aspetti politici e promozionali del vino italiano di qualità, Sandro Boscaini riveste incarichi pubblici presso enti culturali e istituzioni economiche e in differenti commissioni di settore a livello locale e nazionale. È membro dell’Accademia Italiana della Vite e del Vino.

È ambasciatore della cultura e dei valori veneti nel mondo, non solo attraverso i suoi vini, ma anche attraverso l’attività della Fondazione Masi da lui istituita, che da più di trent’anni incorona con il Premio Masi le personalità eccellenti delle Venezie.

Numerosi i riconoscimenti che gli sono stati assegnati tra cui, nel 2003, l’onorificenza di Commendatore della Repubblica Italiana. Sotto la sua leadership, l’azienda Masi è giunta ai più alti livelli e riconoscimenti: tra gli altri la nomina nel 2004 a “European Winery of the Year” dalla prestigiosa rivista internazionale “Wine Enthusiast”.

Il suo amore per il prodotto principe del Veneto gli è valso l’appellativo di “Mister Amarone”, coniato in un libro a lui dedicato.

 

PROFILO DI FEDERVINI

Federvini è l’unico organismo italiano in Europa che rappresenta e promuove lo sviluppo delle imprese impegnate nella produzione delle bevande alcoliche, dai vini ai liquori, le acquaviti, gli aceti, gli sciroppi e i succhi d’uva. Nata nel 1917 allo scopo di tutelare gli interessi del settore vitivinicolo e la produzione di altre bevande alcoliche, in conformità con l’ordinamento nazionale e successivamente anche con le normative comunitarie ed internazionali, è un’organizzazione senza scopo di lucro.

 

Federvini rappresenta un comparto produttivo di antica tradizione che da sempre è parte rilevante della cultura e dell’imprenditoria italiana, costituendo tra l’altro la prima voce dell’export agroalimentare italiano.

 

Attraverso Federalimentare, Federvini aderisce al sistema nazionale di rappresentanza delle imprese operato da Confindustria. A livello europeo è anche membro fondatore delle Associazioni Europee del Vino (CEEV, Comité Européen des Enterprises Vins), degli Spiriti (CEPS, The European Spirits Organizations) e dell’Aceto (CPIV, Comité Permanent International du Vinaigre) e, a livello internazionale, della FIVS (International Federation of Wines and Spirits).

 

La Federazione esprime inoltre, nell’ambito della delegazione ufficiale italiana, propri rappresentanti in numerosi gruppi di lavoro dell’OIV (Organisation Internazionale de la Vigne et du Vin), così come delegati Federvini siedono nel Comitato Nazionale per la Tutela e la Valorizzazione delle Denominazioni d’Origine e delle Indicazioni Geografiche Tipiche.

 

Questa importante rete di collegamenti rappresenta uno strumento essenziale all’attività di rappresentanza, difesa e sostegno alle aziende associate sia a livello nazionale sia presso le istituzione europee e in ambito internazionale.

 

A completare il quadro dell’attività internazionale, svolta rispetto alle tematiche del settore, Federvini intrattiene costanti contatti con i più importanti organismi mondiali tra cui l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), il WTO (Organizzazione Mondiale del Commercio), WIPO (Organizzazione Mondiale Proprietà Intellettuale), TTB (Alcohol, Tabacco, Tax and Trade Bureau), FDA (Food and Drug Administration), Consiglio d’Europa e FAO.