Home News La grande novità di Taste of Roma 2014: un Wine Caveau di...

La grande novità di Taste of Roma 2014: un Wine Caveau di etichette introvabili accessibile a tutti

0
15

I vini top che comporranno la più originale delle cantine

Chiacchierare con i propri amici, conoscerne di nuovi, sorseggiando un bicchiere di vino leggendario, unico…. che solo poche volte capita di “incontrare” nella vita.

Sarà questa la filosofia del Wine Caveau di Taste of Roma, dal 18 al 21 settembre 2014, all’Auditorium Parco della Musica a Roma: un modo particolare di parlare e, soprattutto, di bere vino, senza perdersi nelle sfumature fruttate o su quanto si avverta il tannino. Si parte da presupposti inattaccabili: è indimenticabile assaggiare un’etichetta unica, ancora meglio se si ha qualcun’ altro con cui condividere l’entusiasmo e l’introspezione gustativa.

Come rendere un capolavoro enologico accessibile ai più? Frammentando la barriera più consistente legata al prezzo e puntando a trasmettere la cultura del vino attraverso un linguaggio nuovo, che superi i tecnicismi per lasciare spazio all’esaltazione dei sensi.

Il Wine Caveau di Taste of Roma

100 vini top, mitici, leggendari proposti non per essere acquistati e conservati in una cantina a prendere polvere in attesa di diventare marsala, ma venduti, stappati, bevuti (e goduti) al bicchiere in compagnia di amici o di chi condivide questa passione.

Vini diversi, ma accomunati dal fatto di essere unici e, il più delle volte, introvabili.

Sarà una sola, però, la chiave per aprire queste “rarità enologiche”: la condivisione.

Ogni etichetta, infatti, verrà proposta con relativo prezzo al bicchiere e non appena sarà raggiunto il numero minimo di persone a copertura del costo di acquisto, lo stappo e l’esperienza diventerà reale per i fortunati partecipanti. Per sapere come funziona: http://www.winecaveau.it/

Il wine caveau di Taste of Roma è un percorso inedito, affascinante e inesplorato, che si svolgerà in un’area dedicata, in cui la teatralità tipica del momento dello stappo della bottiglia, da sempre sinonimo di poesia, felicità e condivisione, farà da padrona.

I partecipanti avranno l’occasione di vivere un momento che non sarà solo di piacere e di divertimento, ma, grazie ad esperti di grande esperienza, anche di conoscenza dei segreti e delle caratteristiche che fanno del vino scelto un’etichetta senza eguali.

 

I vini top

I grandi vini portano con sé lunghe storie che partono dai propri produttori e raccontano incontri e scontri tra popoli, stili di vita e condizioni climatiche delle genti e delle zone di provenienza.

Le 100 prestigiose bottiglie sono infatti state selezionate accedendo alle grandi cantine dei ristoranti partecipanti ai Taste Festivals di Milano e Roma; alle riserve delle migliori cantine nazionali e delle collezioni private come quelle dell’enoteca romana Trimani, delle cantine Antinori  e dai caveau Krug, Ruinart e Veuve Cliquot.