Home News Il Soave, al top per Wine Enthusiast, vola in America per tutto...

Il Soave, al top per Wine Enthusiast, vola in America per tutto dicembre

0
21

La prestigiosa rivista americana promuove il Soave al primo posto tra i vini italiani nella classifica “top 100” dedicata ai migliori vini del mondo, proprio alla vigilia della nuova missione promozionale che vedrà il Consorzio impegnato per tutto dicembre tra New York e Chicago

E’ un Soave il miglior vino italiano in assoluto, in cima alla classifica dei top 100 stilata nell’ultimo numero di Wine Enthusiast, testata di riferimento nel mondo del vino. Con questo brillante risultato parte la nuova campagna promozionale del Soave negli Stati Uniti, in collaborazione con la Regione Veneto, per una serie di appuntamenti che si susseguiranno per tutto il mese di dicembre, tra New York e Chicago.

 

E’ il Soave Classico 2011 La Rocca di Pieropan a conquistare il podio del miglior vino italiano secondo la severa classifica stilata da Wine Enthusiast che da tempo sta riservando una particolare attenzione alla denominazione del Soave.

Il Soave conferma del resto il suo appeal a livello internazionale, forte di una indiscussa qualità che lo ha reso ormai un vino in grado di eccellere in particolare dopo due o tre anni di affinamento alle spalle.

 

«Si tratta di un risultato importante quello di Wine Enthusiast, testata tra le più considerate a livello mondiale -  evidenzia Aldo Lorenzoni, direttore del Consorzio del Soave – che va a premiare i progressi e l’eccellenza di tutta la denominazione. Una segnalazione che di fatto vale doppio dal momento che il Consorzio del Soave è impegnato proprio in questi giorni in una importante missione promozionale negli Stati Uniti».

 

 

Dal 2 dicembre infatti parte Soave Style and the City, in collaborazione con la Regione Veneto, per una serie di appuntamenti che si susseguiranno per tutto dicembre.

Quella in calendario chiude virtualmente il tour promozionale coordinato dal Consorzio del Soave per il 2014 in collaborazione con l’agenzia Full Circle, che ha visto le aziende associate al Consorzio muoversi tra New York, Boston, San Francisco e Chicago.

 

Con questo ultimo appuntamento promozionale il Consorzio del Soave si propone di proseguire quanto realizzato nelle precedenti campagne per la valorizzazione del Soave negli Stati Uniti, mercato che ha visto gradualmente crescere la presenza del bianco veronese nelle differenti tipologie.

La trasferta americana sarà inoltre l’occasione per incontrare operatori e buyer di settore per misurare i risultati di quanto realizzato nei primi 6 anni di attività di valorizzazione e soprattutto per definire le opportunità e le azioni alla vigilia nel nuovo quadriennio promozionale.

 

Fitto il calendario degli appuntamenti, realizzati sia con Uvive sia con iniziative autonome, per promuovere il Soave, assieme agli altri vini veneti, tra gli operatori di settore, tra la stampa e tra i consumatori e wine lover.

 

Tre i luoghi attorno ai quali verterà a rotazione l’attività promozionale: Eataly (200 5th Avenue, NY) Risotteria Melotti (309 East 5th Street – Manhattan, NY), Eataly Chicago (43 East Ohio Street, IL).

Le aziende che partecipano all’azione promozionale sono:

 

Cantina di Soave

Cantina di Monteforte

Corte Moschina

Enoitalia

Marcato

 

Eataly a New York e a Chicago

Il progetto, realizzato in collaborazione con Regione Veneto, prevede una serie di azioni promozionali per tutto il mese nel complesso commerciale di Eataly sia a New York che a Chicago, il “super-store” della cucina Italiana, diventato rapidamente una icona del food&wine sia in città che in tutto il paese: sei i ristoranti tematici, un supermercato, un wine shop ed uno spazio denominato “La Scuola” per seminari sul food&wine, fanno di Eataly un centro ideale per la promozione e la vendita diretta delle eccellenze Italiane ai consumatori.

In tale contesto il Soave, nelle sue differenti sfumature verrà suggerito in carta vini nei ristoranti, sarà protagonista di wine tasting nel wine shop ogni fine settimana, oltre a venire “presentato e raccontato” nei seminari tematici a “La scuola”. Non mancheranno inoltre momenti dedicati esclusivamente alla stampa.