Al Gruppo De Nigris 1889 il marchio storico di interesse nazionale

0
195

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha conferito al gruppo De Nigris il prestigioso riconoscimento di “Marchio Storico di Interesse Nazionale” a coronamento di un percorso lungo 130 anni che ha visto l’azienda diventare il punto di riferimento a livello nazionale ed internazionale di grandi produzioni simbolo del Made in Italy come l’aceto balsamico di Modena.

Nata nel 1889, la De Nigris attualmente rappresenta il 27% delle esportazioni di aceto italiano e il 24% della produzione di Aceto Balsamico di Modena Igp, con oltre 250 dipendenti dislocati nei 3 stabilimenti di San Donnino (RE) Carpi (MO) e Caivano (NA).

“Questo riconoscimento ci rende orgogliosi e ci riempie di responsabilità perché siamo l’unica azienda del settore a vedersi riconosciuta quale eccellenza del nostro Made in Italy, che ha saputo distinguersi in questi decenni non solo per qualità, ma anche per stile e creatività – sottolinea Armando de Nigris, Presidente del Gruppo – Sentiamo forte il dovere di rappresentare sempre al meglio il territorio italiano, testimoni e custodi come siamo di tradizioni agroalimentari quale l’Aceto Balsamico di Modena ed altri aceti speciali e condimenti che vengono prodotti in tutta la penisola, da Nord a Sud, nei nostri stabilimenti”. 

Il Gruppo De Nigris

Leader nella produzione ed export di aceti e condimenti, attualmente rappresenta il 27% delle esportazioni di aceto italiano e il 24% della produzione di Aceto Balsamico di Modena IGP con una produzione stimata intorno ai 35 milioni di bottiglie e con oltre 250 dipendenti dislocati nei 4 stabilimenti di San Donnino (RE), Carpi (MO) e Caivano (NA) per 100.000 mq totali.

Aceto balsamico De Nigris invecchiamento

Il tricolore che accompagna il marchio De Nigris in oltre 70 paesi è legato non solo al prodotto Igp, ma anche all’educazione del consumatore straniero per abituarlo a riconoscere il Balsamico “giusto” è perché no anche ad abbinarlo correttamente ai piatti della propria tradizione.

A cura dell’Ufficio Stampa De Nigris