Home Gastroviaggiando Un pranzo eccellente al Ristorante “Casale del Mare” dell’omonimo relais

Un pranzo eccellente al Ristorante “Casale del Mare” dell’omonimo relais

0
16

A Castiglioncello (LI) uno straordinario angolo di paradiso con panorama mozzafiato sulla costa toscana

Il Termine Francese “Relais” indentifica da sempre un “luogo di sosta”, un albergo particolarmente accogliente, una dimora di charme, dove fare tappa, fermarsi durante un viaggio più lungo, per riposarsi e rigenerarsi prima di continuare.

Oggi si tende ad attribuire, il nome di “Relais”,  a un albergo di piccole dimensioni, oppure a un agriturismo, caratterizzati da un’eccezionale ubicazione e da un’accoglienza molto attenta e curata in ogni particolare, con una gestione, da parte della proprietà, molto premurosa, quasi “familiare”.

Il Relais “Casale del Mare”, di Castiglioncello, in Provincia di Livorno, è un complesso Residenziale/Agrituristico nato dal restauro, accurato e sapiente, di un’antica fattoria ormai diroccata che aveva subito anche pesanti bombardamenti durante la “Seconda Guerra Mondiale”.

Uno straordinario angolo di paradiso ubicato su una panoramica e verdeggiante collina, da cui si gode un panorama mozzafiato su uno dei tratti più belli della Costa Toscana.

“Casale del Mare” è parte di un progetto molto più grande e ambizioso, nato da un sogno dei suoi proprietari, Fulvio Martini e Laura Marzari, che nel 1994 riuscirono a realizzarlo, facendo nascere  così “L’Azienda Agricola Agrilandia”.

“Agrilandia” comprende non solo l’Agriturismo Relais “Casale del Mare” e l’Azienda Vitivinicola “Fortulla” ma anche un’altra proprietà fuori zona (una residenza turistica, “Corte Codella Nuova”, ubicata nel verde a Viadana in Provincia di Mantova).

Il Relais di Campagna “Casale Del Mare” sviluppa l’accoglienza attraverso sette super location, tra camere e appartamenti, a cui si aggiungono servizi come la grande piscina panoramica, i campi da tennis e da calcetto, oltre alla possibilità di portare il proprio cavallo nei box dell’Azienda.

Infatti a “Casale del Mare” si svolgono durante l’anno anche eventi equestri e concorsi ippici.

Non solo accoglienza, ma anche produzione agricola biologica, che assicura prodotti freschi e di grande qualità, a partire dall’orto per passare alla farina di Grani Antichi e finire all’Olio Extravergine di Oliva prodotto nei 5 ettari di oliveta.

Non è finita. All’interno della proprietà ci sono sette ettari di vigne, da cui si ricavano le uve, per le diverse tipologie di Vini della Casa e le Grappe con il marchio: Azienda Vitivinicola “Fortulla”.

Poi c’è il Ristorante “Casale del Mare” che si trova nella struttura principale del Relais.

Il Locale è luminoso e bello, da dentro si gode la rilassante vista del parco grazie alla sala completamente a vetri su tre lati; nel giardino adiacente, c’è una grande struttura, con veranda,  ad uso sala eventi.

Da più di tre anni il bravo Chef Executive del Ristorante “Casale del Mare” è Marco Parillo.

Marco dopo il diploma, come tecnico della ristorazione e primo pasticcere, alla Scuola Alberghiera IPSSAR “Angelo Celletti” di Formia (LT), attratto dall’alta Cucina innovativa Spagnola si è recato, per specializzarsi, a Barcellona poi a Ibiza, dopo a Palma di Maiorca e di nuovo a Barcellona.

In questi anni, oltre a lavorare in importanti Ristoranti ha fatto uno stage, un’esperienza fantastica di otto mesi, al Taller (officina) del mitico Ristorante “El Bulli” di Ferran Adrià Acosta.

Questo suo periodo Iberico gli ha fruttato molta esperienza anche nelle metodologie di Cucina più innovative.

Sono andato a Pranzo al Ristorante “Casale del Mare” in una giornata primaverile fantastica che mi ha fatto godere, in pieno, il meraviglioso contesto e il suo panorama.

Le portate scelte, sono state accompagnate da una particolare e selezionata degustazione di Vini molto interessanti della Casa:  “Fortulla Rosé Brut” (Aperitivo),  “Fortulla Rosé 2014”, “Epatta Rosé 2015”, “Fortulla Bianco 2014”, “Fortulla Serpentino 2015”, “Fortulla Rosso 2010”, “Sorpasso 2010”.

Una considerazione più che particolare va fatta a un Vino Bianco molto buono, una novità assoluta: “Fortulla Pelagico 2013”. Un Vino che appena uscito (è prodotto in poche centinaia di bottiglie) si è già fatto notare per la sua notevole personalità, i grandi aromi e i decisi e duraturi sentori. Un Vino prodotto con uve non comuni in Toscana: “Petit Manseng”. Un Vitigno, originario della Regione Basca Francese della Guascogna, che produce uva, dalle bacche piccole e dalla buccia più spessa, da cui si ricava poco ma prezioso mosto.

In tavola del magnifico, saporito e fragrante Pane della Casa nelle diverse tipologie.

Per accompagnare l’Aperitivo è stato servito in giardino:

– Mozzarella di Bufala Campana con acciuga del Mar Cantabrico, insieme a un bicchierino di Gazpacho con fragole e basilico rosso;

– Grissini con finocchietto e pepe;

– Gamberi biondi cotti, al momento del servizio, in un cestello tondo orientale, con vapore (di pietre roventi di mare e erbette naturali) aggiungendo durante la cottura del Porto Rosso (Ramos Pinto “Collector Reserva”);

– Obulato (una sottilissima pellicola trasparente e croccante a base di fecola di patate di scuola Giapponese) ripieno di scampi crudi e funghi prugnoli.

Successivamente, comodamente seduti a tavola, nella Veranda è stato servito:

– Insalata aperta di mazzancolle, e la loro essenza, con maionese piccante;

– Carciofo con il suo ripieno, cozze e pecorino;

– Tagliolino fresco, fatto in Casa, all’aroma di limone, con lumachine di mare e bottarga di muggine;

– Triglia alla Livornese con la sua essenza……. Rivisitazione dello Chef Parillo;

– Guancia di maiale cotta a 60°, con mele al brandy, patate alle erbe e Aceto Balsamico Banda Rossa della Storica Azienda “Gran Deposito Aceto Balsamico Giuseppe Giusti”;

– Bicchierino di tisana fredda agli agrumi;

– Minestrone di verdure e frutta con sorbetto al mandarino;

– Cannolo di cialda croccante al miele con crema di mascarpone, salsa di vaniglia e limone;

– Piccola Pasticceria della Casa: Biscotto frollino, Torta caprese, Gominolas (Gelatina) all’Olio Extravergine di Oliva e bitter Campari.

Tutto ben presentato, tecnicamente molto ben preparato, ma soprattutto tutto molto buono.

Veramente bravo lo Chef Marco Parillo.

In Cucina lo Chef Parillo ha come aiuto il valido Davide Pardo. Per questo particolare evento c’era,  ad aiutare, anche un suo carissimo amico Cileno (è anche amico mio), il bravo Chef Fran Cortés.

Il servizio di Sala è stato molto preciso, attento e professionale, sotto l’esperta guida della Maître Pamela Pasqualino.

Mi sono congratulato con i titolari di “Casale del Mare”, Fulvio Martini e Laura Marzari, per il grande livello raggiunto sia nella qualità del Ristorante sia in tutta la loro produzione di Vini e di materie prime.

Giorgio Dracopulos

http://www.casaledelmare.it/it/ristorante.html

 

Nelle foto, dall’alto:

Tagliolino  con Lumachine di Mare e Bottarga

Triglia alla Livornese Rivisitata

Cannolo di Cialda Croccante al Miele