Home Degustazioni Vinea Tirolensis

Vinea Tirolensis

0
16

Piccole realtà vitivinicole dell’Alto Adige in vetrina

“La passione del vino tramandata di generazione in generazione, cuore pulsante delle piccole realtà vitivinicole dell’Alto Adige, ambasciatrici di quell’antica arte vinaria che è il frutto di una esperienza tramandata da decenni”. Questo si legge nel foglio informativo consegnatomi all’ingresso di questa manifestazione dal carattere unico, diverso.

Novantadue (92) produttori associati di cui settantatre (73) presenti che si dedicano in prima persona ai propri vini in tutte le fasi di produzione compresa la commercializzazione. Presenti dove?

Al Vinea Tirolensis, l’evento nell’evento, che tutti gli anni  si svolge come momento espositivo conclusivo di Autochtona presso la Fiera di  Bolzano. Una vetrina importante e veicolo di conoscenza e promozione di grande interesse tanto da registrare affluenze consistenti nei numeri.

Direte: una delle tante Associazioni con Statuti fotocopia di altri, tanto per dire ci siamo anche noi? Quelle consorterie, alleanze corporative di cui l’italico stivale ne è pieno? No.

L’Associazione Vignaioli Alto Adige è differente, è un’altra cosa. Esserne un associato significa partecipare al progetto, diverso dagli altri e pertanto unico, che pone al centro “la storia della famiglia che si tramanda di generazione in generazione”. E non è da poco.

“Questo sistema funziona perché in ogni famiglia ciascun membro dà il proprio contributo. La famiglia rappresenta una fonte inesauribile di energia per creare sempre qualcosa di nuovo. Il messaggio che cerchiamo di trasmettere è che un vino non è mai il prodotto di un singolo o di un’unica generazione” Tutto questo è stato sottolineato da Michael Goëss-Enzenberg, il giovanissimo Presidente dell’Associazione Vignaioli Alto Adige durante l’informale presentazione, durante la “stretta di mano”. E da quella stretta capisci tutto.

Giunta alla sua sedicesima edizione (16), Vinea Tirolensis ha presentato ben 350 vini per celebrare il contatto diretto con gli amanti del vino, clienti affermati e quelli potenziali.

I nordici Grüner Veltliner, Sylvaner, Kerner, Riesling, gli ormai confermati Gewürztraminer, Sauvignon Blanc, Chardonnay, Pinot Bianco, Nero, Grigio, Cabernet Sauvignon e Franc, Merlot, Müller-Thurgau accanto agli autoctoni altoatesini Schiava, Lagrein, Rosenmuskateller e Goldmuskateller. Vitigni che con le loro caratteristiche varietali rappresentano la viticoltura altoatesina nel mondo.

Ma accanto a queste conoscenze anche “antiche coltivazioni” presenti in questo territorio volutamente e tenacemente ancora coltivate come il rosso Zweigelt e Portoguese o i cosiddetti Vitigni Pigri resistenti alle malattie come i bianchi Johanniter e Solaire e i rossi Regent e Cabernet Curtis.

 

Riporto di seguito sei (6) assaggi ritenuti meritevoli di Voto Vinea Tirolensis

Tenuta Kornell, Merlot Riserva “Staves” 2012. Tonalità Rubino, aromi diffusi di cassis, confetture. Al palato strutturato e bilanciato con un buon finale.

Weingut Unterortl, Riesling “Windbichel” 2013. Fresco con note di mela smith e fiori bianchi. Fresco con spunti sapidi e leggeri idrocarburi.

Weingut Niedrist. Weissburgunder (Pinot bianco) “Berg” 2014. Giallo paglierino con sentori fruttati di susina, frutta tropicale. Al palato fresco e sapido con una buona persistenza

Weingut Kuenhof. Gewurztraminer 2014 Intenso, aromatico con le spiccate note di rosa e di agrumi amari. Caldo, pieno con una aromaticità notevole.

Weingut Milla. Cabernet-Merlot 2011 Un gran bel blend di tre vitigni, i due cabernet e il merlot. Profumi di frutti rossi e confetture, legno di cedro e tabacco. Al palato tanta sostanza e struttura con un finale molto lungo

Weingut Glassierhof. Sauvignon Blanc “Geboch” 2012 Paglierino con riverbero verde. Al naso aromi di pompelmo e peperone verde. Al palato ben bilanciato con finale lungo.

L’Associazione Vignaioli Alto Adige sono una felice realtà e l’obiettivo ambizioso di porre al centro il tema delle generazioni come protagoniste non è da poco.

Vinea Tirolensis: La passione del vino tramandata di generazione in generazione.

 

Urano Cupisti