Home Degustazioni Tenuta Vallocaia Bindella. Cose del posto, della tradizione locale

Tenuta Vallocaia Bindella. Cose del posto, della tradizione locale

0
7
La scelta delle uve migliori

“Dolci declivi, fitti campi di grano, orti, frutteti, cipressi orgogliosi, colori dai caldi toni di terra, mistica luminosità, un paesaggio straordinario che lascia senza respiro. Questa è per noi Tenuta Vallocaia della quale ci siamo innamorati nel 1983”.

C’è da inginocchiarsi davanti alle dolci colline di Vallocaia, un posto che ti fa sentire in un piccolo paradiso”.

Così Rudi Bindella e Giovanni Capuano parlano di questa Tenuta immersa nella zona viticola di Argiano a sud di Montepulciano.

“Non ci siamo fatti impressionare dalla realtà oggettiva di quel 1983: muri cadenti e vigneti abbandonati. Per noi Vallocaia era un diamante grezzo. Servivano solo passione, dedizione e tanta pazienza per portarlo nuovamente a brillare”.

Nel 1985 l’allargamento della proprietà con l’aggiunta di un altro importante appezzamento in zona Sanguineto Santa Maria.

Negli anni a seguire un crescendo di traguardi con il lancio sul mercato del Nobile Bindella, del Vin Santo Sinfonia, del Nobile da vigneto unico I Quadri fino all’esigenza, “per mal di crescita” durata trent’anni, di una nuova cantina.

Così nel 2015 sono iniziati i lavori di una struttura “interrata, contigua a quella esistente, integrata con giardino, orto e sala di degustazione”.

La zona di produzione oggi si estende su oltre 40 ettari a vigneto dove il Sangiovese, nella forma di Prugnolo Gentile ne è l’anima portante ed importante: il rispetto delle “cose del posto, della tradizione locale”.

Ed ecco nascere, anno dopo anno, il Rosso di Montepulciano (Fossolupaio) e i tre Nobile di Montepulciano (Bindella, I Quadri e la Riserva), il Vin Santo di Montepulciano tradizionale Dolce Sinfonia da uve Trebbiano, Malvasia e quello, sempre con nome Sinfonia, Occhio di Pernice da uve Sangiovese.

Infine l’allargamento ad altre tipologie a dimostrare che i terreni di Montepulciano possono essere elementi di studio e fattibilità per allevamento di vitigni internazionali quali Cabernet Sauvignon, Merlot, Syrah a bacca nera e il “bianco” Sauvignon Blanc. In tutto 10 vini a rappresentare “quella gioia di vivere” quotidianamente espressa e ricordata: “siamo contadini, viticoltori, lavoriamo la terra, la vite. Mestiere che ci sentiamo addosso, nobile e antico”.

Gli assaggi

Ma veniamo ai vini, agli assaggi fatti alla “cieca”, durante l’Anteprima del Vino Nobile di Montepulciano dedicato alla stampa nel giorno 15 febbraio di quest’anno.

Fossolupaio 2015. Rosso di Montepulciano Doc. Sangiovese85% e Syrah 15%. Vinificazione in vasche di acciaio a temperatura controllata tra 21 e 23° C, macerazione sulle bucce per 8 – 10 giorni.  Maturazione e affinamento 6 mesi in acciaio e 3 mesi in bottiglia. È sceso nel calice con il suo colore rosso rubino brillante. Tessitura setosa nonché frutto godibile da subito. Slancio nella beva. Ottimo, voto 88/100

Bindella 2015 Vino Nobile di Montepulciano DOCG in anteprima. 85% Sangiovese, 15% Colorino del Valdarno, Canaiolo nero e Mammolo. Vinificazione in vasche di acciaio a temperatura controllata tra 25 e 28° C, macerazione sulle bucce per 15 – 20 giorni. Maturazione e affinamento 20 – 22 mesi in botti grandi di rovere e almeno 6 mesi in bottiglia. Campione ancora in affinamento. Equilibrio dinamico tra frutto, freschezza e speziature tutte da affinare. Al palato la grinta di un gran vino in costruzione. Voto già tra gli eccellenti, 90/100.

I Quadri, selezione 2015 Vino Nobile di Montepulciano DOCG 100% Sangiovese. La maturazione e l’affinamento lo svolge in  tonneaux di rovere francese e 12 mesi in bottiglia. Ha già la stoffa di un Nobile. Buona avvolgenza, palato sferico finale salino. Eccellente, voto 90/100

Bindella 2013 Vino Nobile di Montepulciano DOCG. 85% Sangiovese, 15% Colorino del Valdarno, Canaiolo nero e Mammolo. I due anni che sviluppano verso l’eccellenza. Convincente assetto verticale, speziatura dinamica, allungo salino che porta dritto all’Eccellenza. Voto 91/100.

Tenuta Vallocaia dove traspaiono le differenti matrici territoriali che raccontano, attraverso i vini, la loro varietà.

Vallocaia non è piccola, non è grande; è giusta, gestibile, fatta di persone”. Chapeau

 Urano Cupisti

 

Tenuta Vallocaia Bindella

Via delle Tre Berte 10/A

53045 Montepulciano (SI)

Tel. +39 0578 767 777

info@bindella.it

www.bindella.it