Home Degustazioni Somlói, quel vulcano in mezzo alla puszta ungherese

Somlói, quel vulcano in mezzo alla puszta ungherese

0
1127

Il fiume Danubio percorre il territorio magiaro da nord a sud dividendolo in due aree completamente diverse, in particolare  per la morfologia dei terreni: i löss ad occidente, con il Lago Balaton vero fulcro vitivinicolo e i terreni particolari ad oriente dove troviamo aree famose come l’Eger e il Tokaj.

Il Lago Balaton, a sua volta, è posto al centro dell’area Transdanubia e la divide, di fatto, in altrettante aree composte da ben tredici distretti vinicoli.

Nella parte settentrionale si trova la zona più antica, con i pendii vulcanici di Badacsony, l’area di Sopron (condivisa con l’Austria), di Etyek, Mór, Aszár-Neszmély, Sokóroalja, Norra Balaton ( di cui ho già parlato) ed infine Somlói meta di questa visita aziendale.

Tamás Kis, conosciuto a Lucca durante l’Anteprima dei Vini della Costa Tirrenica, mi aspettava sotto la pergola attigua alla cantina e adibita a luogo di degustazione. Insomma l’assaggio sotto la pergola.

Vulcano Somloi

Tamás, un ragazzone ben piantato (come si dice dalle mie parti), vigneron a tutti gli effetti, mi ha ricordato gli inizi per caso, mosso dall’Hobby di arrivare a produrre vino e gli studi specifici in enologia con il diploma conseguito nel 2010. L’Inizio dell’avventura che lo ha portato da Budapest ai piedi del Vulcano Somló.

JUHFARK

Vino bianco vulcanico ungherese ricavato da uve omonime, che si produce solo in questa zona ricca di basalto e sabbia vulcanica frutto dell’attività “esplosiva” della quale sono ben visibili le tracce lasciate nei secoli.

Il vulcano Somlói mi apparve all’improvviso dopo chilometri pianeggianti nella puszta ungherese. Un cono perfetto, non molto alto, che solitario si staglia verso il cielo. Tutt’intorno vigneti che dall’area pianeggiante salgono fin quasi alla vetta. Il vitigno Juhfark in stragrande maggioranza.

VINO DELLA NOTTE DI NOZZE

Vitigno Juhfark

Una delle tante leggende magiare narra (XI secolo) che un convento benedettino di monache venne chiuso perché le “sorelle” risultarono molto affezionate ai vini locali con tutto ciò che ne conseguiva. In quel tempo era opinione diffusa che bere vino nella notte di nozze o comunque durante l’amplesso, assicurasse la nascita di un figlio maschio. E il proliferare di orfani al convento convinse la corte ecclesiastica a chiuderlo e trasferire le “allegre sorelle” in luoghi di recupero e solo preghiera.

DAL 2010 AL 2017

Prima una cantina in affitto, poi cercare di far conoscere il il Somlói Vandór Prince ed ottenere i primi riconoscimenti. I continui step di crescita fino ad arrivare ai 5 ettari di vigna ed esportare all’estero.

I VINI

Esclusivamente bianchi. Accanto al nominato Juhfark troviamo Hárslevelű, Furmint, Welschriesling, Traminer, Chardonnay e Sauvignon Blanc

I Vini assaggiati

GLI ASSAGGI

Olaszrisling 2017

Bland di parcelle con il 20% di vino passato in barriques. Naso complesso e fine. Lunga scia fresca e persistente. Buono, voto 87/100

Juhfark 2016

Naso interessante e complesso con cenni di vaniglia. Vino equilibrato. Ottimo, voto 89/100

Somlói Vándor Nagy-somlói 2014

Cuvée una miscela di quattro varietà: Furmint (40%), Olaszrizling (20%), juhfarka (20%) e Hárslevelű (20%). È stato prodotto  in un anno difficile e molto piovoso (anche in Ungheria come in Italia), fortemente influenzato dalla Botrytis. La vendemmia tardiva si è sentita, eccome. Naso molto aromatico e bocca leggermente trattenuta.  Buono, voto 87/100

Kabar 2017

Ultima curiosità. Questo vino è un esperimento portato avanti  da Tamás negli ultimi tempi.   Il naso è risultato molto fruttato. Fresca acidità in bocca, buona mineralità. Assolutamente gradevole. Ottimo, voto 88/100

Che dire: Somlói, il ricordo di un panorama incantevole, unico, la genuinità e la meravigliosa accoglienza di Tamás e i suoi vini sorprendenti nelle diverse sfaccettature. Chapeau!

Urano Cupisti

 

Somlói Vandor Pince

somlóvásárhely, 8481 hrsz 1700, Ungheria

Telefono: +36 30 835 2295

info@somloivandor.hu

www.somloivandor.hu