Chinese Blog

Iscriviti alla Newsletter

Scegli Pr-Vino per la tua consulenza nel settore VINO!

 
Tu sei qui: Home Gastroviaggiando Ristorante La Pineta di Luciano Zazzeri, a Marina di Bibbona (Livorno), dove le onde del mare si fondono con la buona cucina

Ristorante La Pineta di Luciano Zazzeri, a Marina di Bibbona (Livorno), dove le onde del mare si fondono con la buona cucina

Molti sono i premi e i riconoscimenti arrivati a Luciano nel corso della sua carriera, uno di quelli più ambiti è stata la "Stella" conferitagli dalla Guida Michelin 2006 (pubblicata nel novembre 2005)

Il Ristorante La Pineta non è solo un posto dove si mangia bene, e neanche solo una costruzione fascinosa in riva al mare a Marina di Bibbona in provincia di Livorno, è soprattutto uno dei punti di riferimento più importanti dell'alta Ristorazione Italiana.

Molti hanno scritto che è difficile trovarlo, che è un rifugio sulla spiaggia ma anche un "grande" Ristorante, che il suo Patron/Chef è un pescatore eccezionale, un cuoco straordinario, un personaggio inimitabilie; io devo dire che Luciano Zazzeri è un affascinante, abile e piacevole narratore, è un uomo di grandissima umanità ed è uno dei migliori Chef che ho conosciuto. Non sono solo io a sostenere ciò, ma tutte le persone che lo incontrano hanno per lui una grande stima, e anche i colleghi, caso più unico che raro, trovano solo espressioni di ammirazione.

Zazzeri Luciano nasce a Marina di Bibbona il 17/01/1956, la sua famiglia ha origini locali, nonna Nella lavorava nel Fortino di Marina di Bibbona, al tempo caserma della Guardia di Finanza, si occupava della cucina aiutata dal marito barrocciaio, nonno Emo, che le portava i rifornimenti; il Forte è quasi parte della famiglia, infatti il babbo di Luciano, Alessandro, e lo zio Beppino sono nati dentro il Forte. Il babbo ha una licenza di camionista per il movimento terra e quando il comune gliela tolse, per risarcirlo, la sostituì con la licenza per lo stabilimento balneare; siamo al primo Maggio del 1964, dodici cabine e dodici ombrelloni, e la prima struttura della ristorazione con il pavimento di cemento, in cucina nonna Nella, mamma Anna e zia Serenella, i maschi della famiglia ai lavori più pesanti.

Luciano ha nove anni ma è già al pezzo ad aiutare, dopo la scuola naturalmente. A Marina di Bibbona nel 1955 era stato inaugurato l'Hotel Marinetta e sono proprio i suoi ospiti i primi clienti, molti milanesi cominciano a fare le vacanze in zona, iniziando anche ad apprezzare lo stabilimento balneare e la sua ristorazione, ma è soprattutto Bolgheri che richiama, con le sue importanti frequentazioni, anche nobiliari, come gli Antinori, gli Incisa della Rocchetta e quelli della Gherardesca che insieme ai loro amici, italiani e stranieri, tutti importanti, diventano clienti affezionati.

Gli anni passano, nel 1965 la famiglia mette in mare la prima barca, un gozzo di cinque metri, così la pesca entra a far parte del lavoro quotidiano, prima gli uomini in mare poi dopo le donne a pulire le reti, nel 1969 le cabine sono diventate trentasei e gli ombrelloni crescono di numero; a quattordici anni Luciano oltre che occuparsi della spiaggia fa già anche il bagnino, a diciotto è anche l'efficiente mozzo della barca condotta dallo zio, raggiunti i venticinque anni è proprio Luciano ad intestarsi la licenza di pesca (tutt'ora attiva), nel 1982 un'altra barca della famiglia, una lancia di quattro metri e mezzo, prende il mare.

Nell'inverno del 1987 una spaventosa mareggiata danneggia gravemente tutte le strutture del bagno; il babbo di Luciano per lo stress dell'evento si sente molto male, tocca al giovane Zazzeri prendere in mano la situazione e "raddrizzare la barca dopo la tempesta", ha trentuno anni, è già sposato e sono già nati i suoi due figli, Andrea e Daniele, lo zio Beppino segue il bagno e lui si divide tra la cucina e la sala, è una stagione di grande successo, sole, mare e tanto buon pesce. Ma Luciano non coltiva solo la passione per il mare, è anche un esperto cacciatore, un amorevole padrone per i suoi cani, e un agricoltore attento ed esperto per il suo orto coltivato.

Nel 1995, causa qualche piccola divergenza familiare, per una estate, lascia la spiaggia per aprire, nel campeggio vicino all'Oasi Faunistica di Bolgheri, il Ristorante Il Gineprino, ma già nell'Ottobre dello stesso anno ogni divergenza familiare viene appianata, lo stabilimanto balneare resta alle cugine, a Luciano va il Ristorante. Nel Marzo del 1996 nasce La Pineta di Luciano Zazzeri, un locale che con il suo straordinario Chef/Patron ha raggiunto livelli eccezionali.

Tra i tanti episodi interessanti della sua vita, che pazientemente mi ha raccontato Luciano, forse il più inedito è quello di quando, da giovane, salvò la vita al Barone Rothschild che si stava strozzando con le noccioline dell'aperitivo, e lui, avendolo visto cianotico, intervenne con una presa spontanea ma professionale di pronto soccorso, riuscendo a far espellere al Barone la nocciolina assassina.

Molti sono i premi e i riconoscimenti arrivati a Luciano nel corso della sua carriera, uno di quelli più ambiti è stata la "Stella" conferitagli dalla Guida Michelin 2006 (pubblicata nel Novembre 2005).

Il locale, si raggiunge dalla famosa "stradina sterrata" in pineta, è la caratteristica costruzione di legno sul mare, entrati ci si sente subito a proprio agio, i colori prevalenti sono il bianco e l'azzurro, pochi tavoli splendidamente apparecchiati, dalle ampie finestre l'ineguagliabile spettacolo del mare. La cucina è a vista, di fronte un grande tavolo da lavoro e su una parete laterale un bel mobile vetrina ad ante. In sala sarete perfettamente accolti e amorevolmente assistiti dal figlio Andrea insieme ai "gemelli" Vanni (Roberto, che è anche Sommelier, e Giovanni), state attenti, quando sono separati, non è facile distinguerli, ma chiunque dei due avrete davanti, siete in ottime mani, con loro in sala c'e anche la giovane, carina e gentile russa Novikova Yeugeniya; in cucina con Luciano, dall'altro anno, c'è anche il figlio Daniele già fonte di molte soddisfazioni, e non ultimo il Giapponese Tai Suke.

Il Menù è una poesia di preparazioni di mare, a proposito non vi preoccupate se vedete uscire Luciano dalla cucina con dei pesci di qualche chilo tenuti per la coda, vuole solo farveli scegliere, sono meravigliosi a vedersi ma lo saranno altrettanto cucinati.

La Carta dei Vini è molto importante, circa 1.300 etichette selezionatissime, ricca di Champagne, molti i Prosecchi, Vini Bianchi Italiani da tutte le regioni più importanti, Bianchi stranieri da Francia, Austria, Germania, Slovenia, Ungheria, California, Australia, Nuova Zelanda e Sud Africa; Vini Rosati Italiani e Francesi, Vini Rossi da tutta Italia, dalla Francia (Bordeaux e Borgogna), e da Spagna, Argentina e California; non mancano grandi Vini da meditazione e da dessert.

La degustazione fatta è stata accompagnata da una superba bottiglia della Domaine Leflaive, Bàtard-Montrachet 2005 Grand Cru, e dal premuroso controllo di Luciano che, quando può, segue il susseguirsi dei piatti ad ogni tavolo:

- Millefoglie di Baccalà mantecato con vellutata di porri;

- Panzanella croccante con sgombro all'olio e cipollotto fresco;

- Mela fritta con Foie Gras e triglia spadellata;

- La trippa di mare;

- Bavette con Calamaretti e seppioline aglio e salvia;

- Straccetti di pasta fresca con le triglie;

- Seppie nere con filetti di Triglie alla livornese;

- Semifreddo Al Croccante di Pistacchi.

Sul frontespizio del Menù, sotto la scritta La Pineta Ristorante ci sono cinque stelle, ma nel Menù degustato c'era tutto il firmamento.

Che Luciano Zazzeri sia un grande Chef è una cosa lapalissiana, credo di potermi permettere di dire che per lui il più grande riconoscimento al suo eccezionale lavoro sono le innumerevoli persone che vogliono venire a mangiare nel suo Ristorante... Bravo Luciano.

Giorgio Dracopulos


Ristorante La Pineta

Via dei Cavalleggeri Nord, 27

Marina di Bibbona (Livorno)

Tel. 0586 600016

archiviato sotto:
Strumenti personali