Chinese Blog

Iscriviti alla Newsletter

Scegli Pr-Vino per la tua consulenza nel settore VINO!

 
Tu sei qui: Home Gastroviaggiando "I Pisani più Schietti 2017". Premiati i vini più buoni del Territorio Pisano e non solo

"I Pisani più Schietti 2017". Premiati i vini più buoni del Territorio Pisano e non solo

Una bella manifestazione organizzata dalla delegazione storica di Pisa e litorale della F.I.S.A.R.
"I Pisani più Schietti 2017". Premiati i vini più buoni del Territorio Pisano e non solo

I Sommelier Fisar del Servizio alla Giuria. Foto di Giorgio Dracopulos

Nel Quartiere di San Giusto, della bellissima e monumentale Città di Pisa, in Toscana, sorge un importante complesso (con Parco), di circa 14000 metri quadrati, è il Convento dei Frati Minori Cappuccini.

Il Convento, ubicato in Via dei Cappuccini n. 2, ormai abitato da due soli Frati, è stato, nella Primavera del 2015, al centro di un progetto di riqualificazione che ha visto, oltre a grandi lavori di ammodernamento e messa a norma, il coinvolgimento delle ACLI Provinciali di Pisa, e tre Cooperative Sociali, espressioni delle stesse ACLI: “Aforisma”, “Il Simbolo” e “Axis”.

“Aforisma” gestisce, sempre nella struttura, una Casa di Accoglienza per una cinquantina di studenti. “Il Simbolo” gestisce una serie diversificata di Servizi Salutistici e di Sviluppo Sociale.

“Axis” gestisce il grande Parco, la Sala Convegni e un Ristorante/Bar denominato “I Giardini del Colombre”.

Il “Colombre” era, in un racconto omonimo (una favola moderna), di Dino Buzzati (1906-1972), un mostro marino che metteva paura con il suo terribile aspetto e tutti scappavano per salvarsi la vita. Ma un giorno un marinaio ebbe il coraggio di arrivare fino a lui e scoprì che invece l’essere, donandogli una perla magica, poteva esaudire ogni suo desiderio. Proprio come il “diversamente abile” che, molto spesso, non viene accettato, ma che può fare tanto e dare tanto.

“Nomen Omen”, si può sicuramente dire, infatti “Axis”, oltre a svolgere con successo le normali attività ristorative, aiuta, in alcuni casi, anche dei ragazzi “svantaggiati” nell’inserimento nel mondo del lavoro.

Proprio in questo accogliente contesto dell’ex Convento, si è svolta la Diciottesima Edizione del Premio Enologico “I Pisani più Schietti 2017”.

Il Premio, organizzato, come ogni anno, con molta passione, dalla Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori (F.I.S.A.R.) Delegazione Storica di Pisa e Litorale, si propone di dare un riconoscimento ai Vini più buoni del Territorio Pisano e non solo.

Sabato 25 Novembre, nella fascinosa Biblioteca del Convento, una Giuria Tecnica, estremamente qualificata, si è riunita, a partire dalle ore 9:00, per giudicare, alla cieca (le bottiglie avevano le etichette coperte), complessivamente 52 Vini, divisi in 5 Categorie: “Bianchi”, “Rossi Tranquilli”, “Rossi Elaborati”, “Chianti delle Colline Pisane” e “Vinsanti”.

I Vini sono stati professionalmente serviti dai Sommelier Fisar: Antonio Malvaldi, Vetillard Silvy,  Stefania Del Macchia, Stefania Ghelardi, Giovanni Cossi e Maria Luca’.

La Giuria era composta dal Presidente Davide Mustaro, Docente e Sommelier Fisar, Fabrizio Macchia, Delegato Fisar di Pisa, Paolo Del Guerra, in Rappresentanza dell’Associazione Italiana Sommelier, Giuseppe Ferroni, Professore della Facoltà di Agraria dell’Università di Pisa, Valdo Filippi, Enologo e Docente Fisar, Gino Giannecchini, in Rappresentanza dell’Onav Pisa, Adolfo Benvenuti, dell’Azienda Badia di Morrona in Rappresentanza dei Produttori, Stefano Gorini, in Rappresentanza dei Ristoratori, Pierluigi Ara, Giornalista del “Il Tirreno”, Massimo Donati, Sommelier e  Rappresentante del Comune di Pisa, Valter Lavorenti, per la Camera di Commercio Pisa, Liana Benini, Responsabile Sommelier Fisar Pisa, Umberto Chericoni, Sommelier, Emiliana Cucinotta, Sommelier, e dal sottoscritto Giorgio Dracopulos, Critico Enogastronomico.

Dopo attenta e accurata selezione, all’ora di pranzo, sono stati decretati i Vincitori:

- CATEGORIA VINI BIANCHI: “Tresassi 2016”, Bianco Toscana I.G.T., Vino Biologico, un Blend di Viognier e Chardonnay, 13,5% Vol., prodotto dall’Azienda Agricola Fontemorsi;

- CATEGORIA VINI ROSSI TRANQUILLI: “Cuore Perduto 2016”, Rosso Toscana I.G.T., un Blend con prevalenza di Merlot e Canaiolo, 13,5% Vol., prodotto dalle Tenute Riccardi Toscanelli;

- CATEGORIA VINI ROSSI ELABORATI: “Sagrestano 2013”, Rosso di Toscana I.G.T., un Blend di Sangiovese e Alicate, 14% Vol., prodotto dall’Azienda Agricola e Agriturismo Le Palaie;

- CATEGORIA CHIANTI DELLE COLLINE PISANE: “980 AD Chianti 2015”, Chianti D.O.C.G., un Blend di Sangiovese, Cabernet Sauvignon e Merlot, 14% Vol., prodotto dalla Fattoria Villa Saletta;

- CATEGORIA VINSANTI: “Desiderio 2006”, Vinsanto, Bianco  Pisano di San Torpe’ D.O.C., ottenuto da Uve di Trebbiano e Malvasia appassite in idonei Locali e invecchiate in caratelli per almeno tre anni, 16% Vol., prodotto della Cooperativa Agricola Cantina delle Colline Pisane.

Nel Pomeriggio di Sabato il pubblico ha potuto fare delle degustazioni guidate di tutti i Vini in gara.

Venerdì Primo Dicembre alle ore 20:30, presso l’ampio e fascinoso salone (antica sala refettorio dei Monaci) del Ristorante “I Giardini del Colombre”, durante la Cena di Gala sono state fatte le premiazioni.

Il Menu appositamente preparato per l’Evento (si doveva tenere in considerazione l’abbinamento cibo con i Vini vincitori serviti durante la cena) dal bravo Chef della struttura, Luca Colombini (un allievo del grande Maurizio Marsili), aiutato dalla Sous-chef Giulia Millot, comprendeva:

-  Soufflé di parmigiano su crema di sedano rapa con chips di mais;

- Paccheri con ragù bianco di maiale (grigio) pesante (oltre i 150 kg) con scaglie di liquirizia, su fondo di zucca;

- Ravioli Mugellani con cime di rapa e scaglie di Pecorino Scoppolato di Pedona;

- Brasato di chianina con polenta fritta alle erbe;

- Piccola pasticceria della Casa: Cantuccino, Viennese al burro, Brutto ma buono.

Il sevizio ai tavoli è stato cortesemente effettuato da: Simone Sacco, Responsabile del Ristorante, aiutato da Davide Tognocchi, Diego Nencini e Claudia Onut.

I Vini abbinati, sono stai descritti, durante la cena, dal bravo Fabrizio Macchia (prezioso “chaperon” della serata) e poi elegantemente serviti dai Sommelier Fisar: Antonio Malvaldi, Vittorio Faluomi e Andrea Daddario.

Durante la cena ai rappresentanti delle Aziende vincitrici sono state consegnate le targhe/premio.

La serata dedicata alla premiazione della Diciottesima Edizione “I Pisani più Schietti 2017” si è conclusa tra gli applausi dei presenti e la soddisfazione degli organizzatori: proprio una bella Manifestazione.

Giorgio Dracopulos


http://www.fisar.org/delegazione/pisa/

https://www.facebook.com/I-Giardini-del-Colombre-1136389873042581/?rf=443784765809960

 

Nelle foto, dall'alto:

Ristorante I Giardini del Colombre Pisa. Luca Colombini, Giulia Millot e Dracopulos

I Sommelier Fisar alla Cena per la Premiazione

La Giuria

I Vini vincitori

Ristorante I Giardini del Colombre Pisa. Sacco, Nencini, Onut, Tognocchi, Millot, Colombini

 

 

 

 

 

 

archiviato sotto:
Strumenti personali