Chinese Blog

Iscriviti alla Newsletter

Scegli Pr-Vino per la tua consulenza nel settore VINO!

 
Tu sei qui: Home Gastroviaggiando Con il panettone “Re Noir” dell’azienda Tre Marie le feste sono state più feste

Con il panettone “Re Noir” dell’azienda Tre Marie le feste sono state più feste

L'impasto è soffice, delicatissimo e morbidissimo, privo di uvetta e canditi ma ricco di croccanti fave di cacao avvolte e amalgamate in cioccolato extra fondente della storica ditta Majani

Il “Panettone” è un dolce con origini Milanesi che, attraverso gli anni, si è di diffuso in tutta Italia come “tipicità dolciaria Natalizia”. Ma ultimamente il “Panettone” è stato interpretato in modi molto diversi, anche salati, che ne hanno fatto un “cult alimentare” che si può consumare praticamente sempre.

Il “Panettone” classico è un prodotto da forno a pasta morbida, a lievitazione naturale, con una forma di base cilindrica e sopra a cupola.

Le origini del “Panettone” si perdono tra le leggende. La più antica attestazione che fa riferimento a un “Pane di Natale”, a base di burro, spezie e uvetta, è stata ritrovata all’interno di un “registro degli acquisti”, risalente al 1599, dell’Almo Collegio (più antico d’Italia) Borromeo di Pavia, fondato, nel 1561, dal Cardinale Carlo Borromeo (1538-1584). Nel registro si sottolineava che i “Pani” in questione erano stati comprati per essere serviti durante il “Pranzo di Natale” degli studenti.

Attraverso i Secoli il “Panettone” è entrato negli usi e costumi degli Italiani grazie a un’infinità di produttori artigianali, più recentemente anche per mezzo di alcune importanti ditte Industriali.

Tra le Aziende produttrici di qualità una in particolare ha una storia antichissima, il suo nome è “Tre Marie”.

Nel 1150 una Confraternita di Cavalieri Cristiani, sopravvissuti alla Seconda Crociata (1145-1149) in Terra Santa, fondò, nella Città di Milano, la “Scuola dei Raccomandati della Beata Vergine Maria”, e, contemporaneamente, per il sostentamento della Comunità, costruì un forno. Il Forno non fu destinato solo alla Comunità, ma da subito la popolazione, più bisognosa, poté trovarvi pane e farina.

Nel XIV Secolo la Confraternita prese il nome di “Scuola della Quattro Marie”, in onore della Vergine Maria e della Tre Pie Donne che avevano seguito Lei e Gesù: Maria Maddalena, Maria Salomè e Maria di Cleofa.

Successivamente, dopo alcuni decenni, la Scuola si trasferì nella “Corsia dei Servi” (antico nome del primo tratto di strada che a Milano congiungeva Piazza Duomo alla Porta Orientale) oggi Corso Vittorio Emanuele II.

Al momento di ideare il Marchio del Forno, per un particolare rispetto alla Sacra Vergine, vennero inserite nello stesso solo le Tre Marie Minori. Nacque così le denominazione “Tre Marie”.

Attraverso i Secoli il Forno divenne famosissimo grazie alla bontà di tutte le sue preparazioni artigianali e in particolar modo per quelle dolciarie.

Nel 1896, il Forno, diventò “La Pasticceria Tre Marie di Corso Vittorio Emanuele”, un rinomato e raffinato luogo di riferimento della “Bella Epoque”, il periodo socio-culturale e artistico che ha abbracciato l’ultimo Ventennio dell’Ottocento fino alla Prima Guerra Mondiale (1914-1918).

Negli anni successivi “La Pasticceria Tre Marie” si è ancor più specializzata raggiungendo livelli molto alti di qualità.

Nel 2008 la proprietà dell’Azienda “Tre Marie” è passata nelle mani della Sammontana S.p.A. di Empoli (FI), affermata Ditta Alimentare specializzate nella produzione Gelatiera.

Dal primo di Gennaio 2014 la Società “Tre Marie Ricorrenze s.r.l.” è diventata, in parte, anche della “Galbusera”, nota Società Alimentare fondata, nel 1938, dai Fratelli Mario ed Enea Galbusera.

Oggi la “Tre Marie” ha uno Stabilimento a Milano, in Zona Lambrate, con circa 120 dipendenti, e continua nella sua meritevole produzione di eccellenze dolciarie Italiane.

Tra le novità di questo Natale 2017 ho avuto il piacere di degustare il “Re Noir” delle “Tre Marie”.

Il “Panettone Basso Re Noir” è preparato con ingredienti di grande qualità, selezionati con cura e passione, con “lievito madre” e con i giusti tempi di lievitazione.

Ha un impasto soffice, delicatissimo e morbidissimo, privo di uvetta e canditi ma ricco di croccanti fave di cacao (senza buccia), in pezzi, avvolte (bassinate) e amalgamate in cioccolato extra fondente della pregiata e altrettanto storica Ditta “Majani”.

La copertura del Panettone raggiunge poi il massimo della goduria con il suo spesso strato di cioccolato (sempre extra fondente) ricoperto da una fittissima cascata di fave di cacao grezze in scaglie e una ulteriore pioggia di granella al cioccolato.

Il “Panettone Basso Re Noir” oltre a essere molto bello e buonissimo è anche un’esperienza estremamente affascinante da mettere in tavola. In esso si ritrova il gusto della Tradizione abbinato alla novità della preparazione: un vero connubio senza tempo che rende superba ogni fetta.

Alla “Tre Marie Ricorrenze s.r.l.” conoscono alla perfezione l’arte di fare bene le cose e ogni anno dimostrano anche l’impegno di applicare questa regola a tutte le loro novità.

Che altro dire se non che, grazie alle sue eccellenti peculiarità, con il “Panettone Tre Marie - Re Noir” le Feste sono state più Feste.

Giorgio Dracopulos

http://www.tremarie.it/

 

archiviato sotto:
Strumenti personali