Chinese Blog

Iscriviti alla Newsletter

Scegli Pr-Vino per la tua consulenza nel settore VINO!

 
Tu sei qui: Home Gastroviaggiando A bordo dell’Amerigo Vespucci, la nave più bella del mondo, una magnifica serata di beneficenza

A bordo dell’Amerigo Vespucci, la nave più bella del mondo, una magnifica serata di beneficenza

Chef famosi, buoni vini e grandi professionalità per l'evento a sostegno di “Insieme per la Vita”, Onlus di Livorno
A bordo dell’Amerigo Vespucci, la nave più bella del mondo, una magnifica serata di beneficenza

Nave Scuola Amerigo Vespucci. Foto di Giorgio Dracopulos

La Regia Marina Italiana nasce nel mese di Marzo 1861, in conseguenza della proclamazione del Regno d’Italia Unitario avvenuta con la Legge n. 4761 del 17 Marzo dello stesso anno.

Il 6 Novembre 1881 fu inaugurata l’Accademia Navale di Livorno, la Scuola Universitaria che si occupava, e si occupa a tutt’oggi, della formazione tecnico/militare degli Ufficiali della Marina Militare.

Nel 1882 venne varato, dall’Arsenale di Venezia, dove era stato costruito, l’Incrociatore Amerigo Vespucci, Classe “Flavio Gioia”, prima nave militare a essere intitolata al celebre cartografo, esploratore e navigatore Italiano, nato a Firenze il 9 Marzo 1454 e morto in Spagna, a Siviglia, il 22 Febbraio 1512. La nave era un “Brigantino a Palo” (un albero in più rispetto al classico Brigantino a due alberi), con scafo in acciaio e un motore a vapore con otto caldaie.

La nave venne utilizzata come “Ammiraglia” e rimase in servizio come tale fino al 1893 quando venne trasformata in “Nave Scuola” per gli allievi della Regia Accademia Navale. Ricoprì tale ruolo fino al 1927 quando fu posta in disarmo e, l’anno successivo, radiata dalla Regia Marina. Non venne demolita, ma ormeggiata nel Porto di Venezia, diventando un’accogliente “Asilo Infantile” per gli orfani dei marinai.

L’ultimo Comandante dell’Incrociatore/Nave Scuola fu il Capitano di Fregata Augusto Radicati di Mormorito. Proprio lui nel 1931 prese, per primo, il Comando della nuova Nave Scuola “Amerigo Vespucci” appena costruita.

La Nave Scuola “Americo Vespucci”, che tutt’oggi solca i mari del Mondo per “l’Onore d’Italia”, nasce, nel 1925, da un’ idea (poi trasformatasi in progetto) del Contrammiraglio Giuseppe Sirianni (1874 - 1955). Sirianni era il Sottosegretario del Ministero della Regia Marina, nel Governo Mussolini, nel 1929, poi, ne divenne il Ministro.

Alla base dell’idea la fondamentale constatazione che, per conoscere veramente il Mare, si deve navigare su di una “nave a vela”, in quanto maggiormente condizionata dalla forza delle onde, dalle correnti e dai venti dall’ambiente marino.

Pertanto si decise di costruire due Velieri/Scuola formando la “Divisione Navale Navi Scuola”: Il “Cristoforo Colombo” e la “Amerigo Vespucci”.

Per la costruzione delle due navi fu preso come progetto base quello del Vascello che era stato la Nave Ammiraglia del Regno delle Due Sicilie (Marina Borbonica) il  “Monarca”, ribattezzato poi nella Regia Marina “Re Galantuomo”.

Le navi vennero costruite nei Regi Cantieri Navali di Castellamare di Stabia (Napoli) sotto la guida e il controllo dell’Ingegnere Francesco Rotundi (1885 - 1945), Tenente Colonello del Genio Navale e Vice-Comandante del Cantiere.

Il “Cristoforo Colombo” fu varato nel 1928; nel 1949 fu ceduto alla Russia e nel 1963, purtroppo, andò distrutto in un incendio.

La Nave Scuola “Amerigo Vespucci” venne messa in Cantiere il 12 Maggio 1930 e varata, in tempo record, il 22 Febbraio del 1931. Il giorno 22 commemorava la scomparsa di Amerigo Vespucci. Il 2 Luglio partì completamente allestita per il Porto di Genova dove, il 15 Ottobre 1931, ricevette la “Bandiera di Combattimento” amorevolmente offerta dalla Sezione locale dell’Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia (UNUCI). Il Drappo originale, nel suo cofanetto, è ancora conservato premurosamente a bordo nell’anticamera della cabina del Comandante.

Il Veliero è un bellissimo “tre alberi”, rispettivamente, m. 48,12, l’Albero di Maestra, m. 42,5, l’Albero di Trinchetto e m. 33,8, l’Albero di Mezzana, poi c’è il “bompresso” (estremo albero prodiero sporgente dalla prua). La Nave è lunga 101 m. (compreso il bompresso) e larga 15,56 m., a pieno carico il suo dislocamento è di 4.146 tonnellate con un pescaggio di 7,3 metri.

Le 24 Vele (tra quadre e latine) dell’Amerigo Vespucci hanno una superficie di circa 2.635 mq. e sono fatte di “tela olona” (un tessuto di canapa grezzo, pesante e molto resistente, spesso tra i 2 e i 4 millimetri), per manovrarle ci sono 30 Km. di cime e cavi vegetali. Tale velatura permette alla nave di raggiungere più di 10 nodi.

Nel 1965, il mitico Agostino Straulino (1914 - 2004), Ammiraglio e anche leggendario velista olimpionico super premiato, riuscì a far raggiungere all’Amerigo Vespucci, con le sole vele, la velocità record di 14,6 nodi. Straulino è stato Comandante della Nave Scuola dal 21 Novembre 1964 al 28 Ottobre 1965.

I 10 nodi di velocità si raggiungono anche con il nuovo apparato motore (4 motori Diesel, due da 12 cilindri e due da 8 cilindri) installato recentemente durante i lavori di PVO (Prolungamento Vita Operativa), effettuati nel Bacino n. 6 dell’Arsenale Militare Marittimo di La Spezia, tra il 24 Ottobre 2013 e il 23 Aprile 2016.

L’Amerigo Vespucci normalmente ha un Equipaggio di 14 Ufficiali, 72 Sottufficiali e 190 tra Sottocapi (graduati) e Marinai Comuni, ma quando, nei Mesi estivi, a bordo salgono circa 140 Allievi dell’Accademia Navale di Livorno si superano le 400 persone.

Nel 1931, al momento del varo, il motto che fu dato alla Nave era “Per la Patria e Per il Re”, nel 1946 fu modificato in “Saldi nella Furia dei Venti e degli Eventi”, nel 1978, in fine, fu sostituito con l’attuale “Non chi Comincia ma Quel che Persevera”.

Dal 4 Ottobre 2016 il Comandante dell’Amerigo Vespucci è il bravo Capitano di Vascello Angelo Patruno (classe 1967, di Bari).

Proprio a bordo di questo fantastico Veliero, mentre era ancorato al Molo della Capitaneria di Porto di Livorno, si è svolta, Lunedì 25 Settembre 2017, dalle ore 18:00 in poi, una Serata di Beneficenza per l’Associazione “Insieme per la Vita” Onlus di Livorno. Incontro, a cadenza annuale, entrato nella tradizione, che si svolge da molti anni.

L’Associazione di Livorno, nata nel 1985, è stata Fondata dal Prof. Luciano Vizzoni (storico Pediatra dei Livornesi, scomparso nel 2014) e da un gruppo di genitori che purtroppo avevano perduto i propri bambini a causa di una terribile malattia: la leucemia.

Gli scopi dell’Associazione si compendiano in una importante attività assistenziale e in una più strettamente scientifica.

Dopo essere saliti a bordo, accolti dal gentilissimo Comandante il Capitano di Vascello Angelo Patruno, è iniziata la serata con il benvenuto del Comandante stesso e con la relazione annuale del Presidente, dell’Associazione “Insieme per la Vita”, Dr. Ettore Simoncini. Sono seguiti i ringraziamenti fatti dal Segretario della Onlus, Sig. Gianfranco Grossi, e, tra gli applausi delle numerosissime persone presenti, lo scambio delle “targhe ricordo”.

Poi tutti sull’attenti per l’emozionante “Cerimonia dell’Ammaina Bandiera”, che si svolge ogni sera all’ora del tramonto.

Successivamente, nella parte centrale del ponte dell’Amerigo Vespucci, è stato servito un ricchissimo buffet. La parte enogastronomica era stata organizzata da un ottimo Catering “Momenti Conviviali” e da alcuni grandi Chef, e non solo, che avevano aderito alla serata.

Una super efficiente, brava e bella Chef, Paola Picchi, titolare del Catering, aveva preparato: Passatina al nero di seppia con mirepoix (battuto al coltello) di cozze, zeste di limone e dadolini di pane croccante - Vellutata di porri e patate in tre consistenze (vellutata, soufflé e sfoglia croccante) con sopra spiedino di polpo grigliato - Ricetta Antica, delle mia nonna Clara, per la zuppetta di orzo con ceci, fagioli di Sorana, fagioli borlotti e verdure stagionali.

Il famoso, non solo in Italia, Chef Emanuele Vallini, titolare del Ristorante “Taverna La Carabaccia” ha preparato, con la sua solita esperta abilità e passione, una sua particolarissima ricetta: Il “Pappaciucco” (una pappa al pomodoro di cacciucco).

Il bravo Marco Parillo, giovane e preparatissimo Chef del Ristorante “Il Casale del Mare”, ubicato all’interno dell’omonimo e super accogliente Agriturismo, ha preparato: Carpaccio di Crostacei con aroma al lime, spuma di burrata e grano saraceno croccante.

Un altro giovane Chef molto bravo, Giovanni Peggi, del Ristorante “Marula Beach”, ha preparato: Calamari ripieni di gamberi rosa con crema di piselli e salsa cacciuccata.

Il mitico Alessandro Ciacci della “Macelleria DM” ha portato: Il prosciutto (al taglio) Grigio dell’Amiata, maiale brado, stagionato 18 mesi - Porchetta (di loro preparazione) sempre di Grigio dell’Amiata brado, cotta a bassa temperatura.

I buoni Vini, che hanno accompagnato tutte queste delizie sopra elencate, erano gentilmente offerti dalle seguenti Aziende: “Michele Satta”, “Podere San Michele”, “Podere Ranieri”, “Terenzi”, “La Cura”.

Una serata semplicemente magnifica e di successo, a bordo della Nave più bella del Mondo, l’Amerigo Vespucci, che ha visto tutto l’equipaggio, insieme a tanti grandi professionisti e a un nutrito pubblico, impegnarsi nella serata di beneficenza dell’Associazione “Insieme per la Vita” Onlus di Livorno.

Giorgio Dracopulos

Ps. Un particolarissimo ringraziamento all’affascinante Marcella Ferretti per alcune foto di questo articolo.

https://www.youtube.com/watch?v=5WrWYqUFLg4

https://www.youtube.com/watch?v=W2sIHWQwNMI

 

Nelle foto, dall'alto:
Giorgio Dracopulos e gli Chef a Bordo dell'Amerigo Vespucci. Foto di Marcella Ferretti

Nave Scuola Amerigo Vespucci. Ammaina Bandiera. Foto di Giorgio Dracopulos

Nave Scuola Amerigo Vespucci. Giorgio Dracopulos e Paola Picchi. Foto Marcella Ferretti
archiviato sotto:
Strumenti personali