Chinese Blog

Iscriviti alla Newsletter

Scegli Pr-Vino per la tua consulenza nel settore VINO!

 
Tu sei qui: Home Gastroviaggiando “La Regola degli Chef”: il bellissimo libro di enogastronomia del Podere La Regola

“La Regola degli Chef”: il bellissimo libro di enogastronomia del Podere La Regola

I Fratelli Nuti hanno affidato la completa realizzazione del libro al giornalista-fotografo enogastronomico Claudio Mollo
“La Regola degli Chef”: il bellissimo libro di enogastronomia del Podere La Regola

Gli Chef - Girasoli, Zazzeri, Vallini, Corsi. Foto di Giorgio Dracopulos

Da pochissime settimane è uscito un Libro di Enogastronomia molto particolare ed estremamente interessante: “La Regola degli Chef - La Cultura Enogastronomica Diventa Arte”.

Nel verdeggiante Comune di Riparbella, in Provincia di Pisa, il Fiume Cecina percorre le ultime centinaia di metri prima di sfociare in mare; siamo, infatti, proprio nel bellissimo Territorio della Val di Cecina. Antica Terra degli Etruschi dove i ritrovamenti nella “Necropoli di Belora”, ci ricordano, che fin dal VII Secolo a. C., il legame tra uomini e Vino è una costante millenaria.

Percorrendo, per circa 6 km., la Strada Regionale 68, che nasce dall’Aurelia, all’altezza di Cecina (San Pietro Palazzi), in Provincia di Livorno, che si dirige verso Volterra (PI) e oltre, si arriva  alla  Cantina dell’Azienda Vitivinicola “La Regola” situata in Località Altagrada.

Il Podere “La Regola” nasce, nei primissimi anni del 1900, quando la Famiglia Nuti acquistò un piccolo appezzamento di terreno, in Località “La Regola”, Toponimo conosciuto Catastalmente fin dal 1700.

Negli anni successivi Rolando Nuti, grande appassionato di agricoltura, volle fondare, nel 1931, una Ditta Meccanica specializzata in macchine agricole, per agevolare e migliorare il lavoro sia nella sua terra che in quella degli altri.

Inizialmente l’idea dei Nuti era di produrre Olio Extravergine di Oliva e Vino genuino per uso Familiare; nacque cosi, nella Cantina di allora, sotto Casa, che si chiamava “Cillieri”, la prima produzione di trenta damigiane di Vino. Passarono alcuni decenni e la produzione aumentava, sia in quantità che in qualità.

Solo nel 1990, quando Luca Nuti, figlio di Rolando, si laureò in Agraria, si decise di trasformare “La Regola” in una Azienda Vitivinicola vera e propria, la prima nel Comune di Riparbella. Vennero piantati nuovi Vigneti e nel 1997 imbottigliati i primi Vini. Nel 1998 avvenne l’uscita del Vino simbolo dell’Azienda: il Cru “La Regola”.

A Luca Nuti si deve lo sviluppo dell’Azienda, a partire dalla grande cura e amore con cui segue tutto il processo di filiera: i Terreni, le Vigne, la Vendemmia, la Vinificazione, l’Imbottigliamento.

Dal 2000 anche l’Avvocato Flavio Nuti, fratello di Luca, è entrato attivamente in Azienda occupandosi della parte Amministrativa, del Marketing e dei Rapporti Commerciali, sia in Italia che nel Mondo.

Il Podere “La Regola” è ubicato in un Territorio con un microclima particolarmente favorevole grazie alla protezione collinare boschiva di cui gode e alla vicinanza del mare. L’Azienda ha 20 Ettari biologici di Vigneto che presto verranno portati, con nuovi impianti, a 25, oltre ai classici Vitigni di Sangiovese e Vermentino, troviamo anche Vitigni di Cabernet Franc, Merlot, Syrah, Gros Manseng, Petit Verdot, Viognier, Chardonnay e Sauvignon Blanc.

Al Podere “La Regola” si producono i Vini Rossi (La Regola, Strido, Beloro, Vallino, Ligustro, Syrah, Le Prode), un Rosato (Rosegola), i Vini Bianchi (Lauro, Steccaia, Le Prode Bianco), un Vino Spumante Metodo Classico (Brut), un Vino Passito Bianco (Sondrete), due tipi di Grappa, una Giovane (sei mesi in barrique) una Invecchiata (5 anni in barrique), e, infine, l’Olio Extravergine di Oliva.

Il grande impegno dei Nuti e il grande amore per la loro Terra ha trovato sbocco, nell’Ottobre 2016, con l’inaugurazione della Nuova Cantina.

La bella struttura del “Centro Aziendale La Regola” (non è solo Cantina) è frutto di un grandissimo impegno, non solo economico, dei Fratelli Nuti che hanno fortemente voluto e realizzato in due anni. L’edificio, di colore verde, che s’inserisce perfettamente e delicatamente nel contesto paesaggistico, con una configurazione moderna di sostenibilità ambientale ed energetica, è stato progettato e realizzata dall’Architetto Sergio Scienza.

Sergio, classe 1968, e nato in Trentino è si è specializzato anche nella costruzione di Cantine nelle principali zone vitivinicole Italiane.

Tutti gli interni sono stati curati dall’Architetto (Pisano) Giorgio Balestri che, in maniera sobria, accogliente ed elegante (colori caldi e materiali ecologici), ha allestito gli spazi per i visitatori, le degustazioni, la vendita, i salotti e la grande Sala Convegni.

Molto ampi tutti gli spazi dedicati alla Cantina in senso stretto, la Barricaia e il Magazzino di Stoccaggio.

Per amore dell’Arte e per celebrare ancor di più la terra degli Etruschi, i Fratelli Nuti hanno voluto che il loro amico, l’Artista Internazionale Stefano Tonelli (nato, nel 1957, nel vicino Comune di Montescudaio, Pisa, perfetto conoscitore di questa realtà), trasformasse la loro Barricaia in qualcosa di più fascinoso, in un Progetto intelligentemente denominato “A Regola d’Arte”.

E’ nata cosi, dopo cinque mesi di lavoro, “Somnium” (il sogno del Vino e della sua gestazione) una grande opera, che si staglia sulle pareti della Barricaia, di ben 46 metri lineari per 4 di altezza, poi sul fondo, alla fine dello spazio, con un “Grande Pianeta” (il Pianeta della nostra Umanità) romanticamente illuminato.

L’Umanità è valore fondamentale al Podere “La Regola”, un concetto rafforzato anche in una mega scritta a lettere cubitali, “Restiamo Umani”, posta in giardino, che si può leggere affacciandosi dalla grande Terrazza.

Nella nuova struttura non manca una Cucina che è il fulcro di un altro progetto importantissimo: “La Regola degli Chef”.

Con grande soddisfazione dei titolari la Nuova Cantina è già stata selezionata fra i candidati al Premio “La Fabbrica del Paesaggio” istituito dalla Federazione Italiana dei Club e Centri per l’U.N.E.S.C.O. patrocinato anche dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Per sviluppare il Progetto “La Regola degli Chef” ecco il primo atto che si è concretizzato nel Libro “La Regola degli Chef - La Cultura Enogastronomica Diventa Arte”.

I Fratelli Nuti hanno affidato la completa realizzazione del Libro al bravo ed esperto Giornalista/Fotografo, del settore enogastronomico, Claudio Mollo.

L’elegante pubblicazione è in grande formato cm. 34,5 x 24,5, con copertina rigida e sovracopertina, e con 80 pagine di preziosa carta lucida.

Dopo una breve introduzione dedicata alla Storia dell’Azienda seguono grandi e bellissime foto della stessa che continuano anche dopo un’altra breve descrizione del Territorio. Si arriva così al cuore del libro “Il Cibo e il Vino per Comunicare”. Una raccolta di preziose ricette, realizzate da 22 famosissimi e super premiati Chef, di volta in volta abbinate ai buoni Vini dell’Azienda, il tutto arricchito sempre dalla realistiche foto di Claudio Mollo. Per ogni Chef c’è anche una bella introduzione ai rispettivi Ristoranti.

I notissimi Ristoranti Toscani (e uno Chef), coinvolti sono: “Ora d’Aria”, “La Pineta”, “Mocajo”, “La Carabaccia Officina Vallini”, “PS”, “Antico Ristoro Le Colombaie”, “La Perla del Mare”, “Butterfly”, “Locanda Garzelli”, “Il Palagio - Four Seasons Firenze”,  “Scolapasta”, “Buca di Sant’Antonio”, “Romano”, “San Martino 26”, “Il Mestolo”, “La Rocca di Castelfalfi”, “Foresta”, “Giorgio Trovato”, “Bistrot”, “Tosca - Castello di Casole”, “La Tenda Rossa”, “Loretta all’Opera”.

A tutto ciò, nel Libro, Seguono le Schede dei Vini, dei Distillati e degli Oli, tutti i prodotti Biologici del Podere “La Regola”.

La parte finale del Libro è dedicata all’Architettura e all’Arte, due “muse” di Casa, come già descritto, al Podere “La Regola”.

Per la presentazione del Libro “La Regola degli Chef - La Cultura Enogastronomica Diventa Arte” si è tenuto un super Evento, il 13 Marzo 2017, alla nuova Cantina dell’Azienda, iniziato nel pomeriggio e terminato con una prestigiosa “Cena a otto mani”.

Dopo un ricco aperitivo (accompagnato da La Regola Vino  Spumante Brut) di benvenuto, al piano terra, e la visita alla Cantina, una cinquantina di ospiti, tra Chef e Titolari dei Ristoranti citati nel Libro, insieme a un folto numero di Giornalisti, si sono accomodati ai tavoli nella grande e panoramica Sala al primo piano.

Dopo la presentazione del Libro, e i ringraziamenti, è stata servita un’ottima Cena accompagnata ovviamente dai buoni Vini dell’Azienda.

La Cena è stata preparata da quattro eccezionali Chef che hanno partecipato al Libro: Deborah Corsi, Luciano Zazzeri, Fabrizio Girasoli e Emanuele Vallini.

Sono state servite le seguenti portate, una per ogni Chef più i formaggi, con i rispettivi Vini abbinati:

- Passatina di ceci con baccalà all’Olio Extra Vergine de La Regola (Chef Zazzeri), accompagnato da “Le Prode 2015”, I.G.T. Bianco Costa Toscana, 100% Vermentino;

- Paccheri alle triglie, capperi e gocce di burrata (Chef Vallini), insieme a “Steccaia 2015”, I.G.T. Bianco Costa Toscana, 85% Vermentino e 15% Sauvignon Blanc;

- Tonno rosso, in panatura leggera di capperi, con patatina soffiata al timo, limone e peperone del piquillo di Lodosa, quest’ultimo è chiamato anche “l’oro rosso” dell’agricoltura della Comunità Autonoma di Navarra, in Spagna, (Chef Girasoli), in abbinamento a “Lauro 2013”, Bianco I.G.T., 70% Viognier e 30% Chardonnay;

- Trittico di formaggi Sardi, filiera corta, di media e lunga stagionatura, accompagnati da “La Regola” CRU I.G.T., 85% Cabernet Franc, 10% Merlot e 5% Petit Verdot;

-  Salame al cioccolato, stile Fiorentino, con gelato all’arancia, (Chef Corsi), insieme a “Sondrete 2005”, Passito Bianco di Toscana I.G.T., 40% Trebbiano, 30% Malvasia e 30% Colombana.

Il Servizio Vini è stato effettuato con grande professionalità dai Sommelier F.I.S.A.R. della Delegazione Storica Volterra (PI).

Una piacevolissima serata e una magifica cena per festeggiare un bellissimo Libro: “La Regola degli Chef - La Cultura Enogastronomica Diventa Arte”.

Non mi resta che concludere con le parole di Luca e Flavio Nuti: “Abbiamo investito moltissimo nella nuova struttura, avendo in mente due obbiettivi ben precisi, realizzare una Cantina che valorizzasse le nostre produzioni e, allo stesso tempo, regalasse al Territorio un nuovo Centro d’incontro, di stimolo culturale, sociale e artistico, cercando di mantenere un costante e bilanciato equilibrio tra il paesaggio e la produzione. Territorio, natura e uomini, da questo nascono tutte le nostre Regole, compresa La Regola degli Chef”.

Giorgio Dracopulos

http://www.laregola.com/it/

http://www.ilviandantenogastronomo.it/

 

Nelle foto, dall'alto:

Il Libro La Regola degli Chef. Foto di Gruppo

Podere La Regola. Luca, Rolando e Flavio Nuti

archiviato sotto:
Strumenti personali